Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Il Paradiso degli Orchi
Home » Cinema e Musica » Non avrà l’oro in bocca ma… "Western stars" di Bruce Springsteen.

Pagina dei contenuti


CINEMA E MUSICA

Alfredo Ronci

Non avrà l’oro in bocca ma… "Western stars" di Bruce Springsteen.

immagine
Ci risiamo. Eccoci a parlare dell’ultimo disco di Springsteen. Che fare dunque?
Ne ho viste e sentite di curiose. C’è chi lo ritiene un capolavoro quasi insuperabile, chi ne accetta alcune parti e ne rifiuta altre, chi ne fa un discorso quasi psicoanalitico augurandosi di rivedere al più presto la E Street Band.
Ma perché tutta questa fatica e questo citarsi addosso? Springsteen ormai ha quasi settant’anni. Ha inciso quello che voleva, ha detto quello che ha sempre voluto dire e a volte si è tolto anche qualche sassolino dalle scarpe.
Cosa pretendere di più? Per me Western stars è un bel disco. Non mostra particolari situazioni (e perché dovrebbe? Bruce ha già dato tutto) non ha particolari intuizioni musicali (ripeto: ma perché dovrebbe? E lo dico soprattutto agli psicoterapeuti del rock) e soprattutto pur mostrando alcune propensioni alla melodia più spiccia, non sfigura per nulla.
Ero un appassionato di Bruce Springsteen. Ora gliene sono semplicemente grato.



CERCA

NEWS

RECENSIONI

RACCONTI

SEGUICI SU

facebookyoutube