Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Il Paradiso degli Orchi
Home » I Classici

Pagina dei contenuti


I Classici

immagine
Alfredo Ronci

Un militare fornito d’ironia: “Ippolita” di Alberto Denti di Pirajno.

Ecco il libro più fortunato di Alberto Denti di Pirajno. E qualcuno di voi potrebbe dire (se non addirittura gridare): Denti di Pirajno chi?

immagine
Alfredo Ronci

La solitudine di non si sa quale numero: “La finta sorella” di Massimo Franciosa.

Dicevano i latini (in verità per noi mortali un quasi sconosciuto, Publilio Sirio): Anche un solo capello fa la sua ombra. Che non è per niente una cosa ovvia.

immagine
Alfredo Ronci

Un guerriero contro la società: Vittorio Imbriani e il suo “Dio ne scampi dagli Orsenigo”.

Di questi tempi, sono fermamente convinto, uno come Vittorio Imbriani farebbe venir giù anche le stelle cadenti. E sarebbe una star della televisione e di tutti i media.

immagine
Alfredo Ronci

Dubbi e certezze; un romanzo che richiede attenzione: “Cima delle nobildonne” di Stefano D’Arrigo.

Non è facile parlare di Cima delle nobildonne e sinceramente non è facile nemmeno raccontare qualcosa di concreto su D’Arrigo.

immagine
Alfredo Ronci

Un editore, un eroe: Angelo Fortunato Formiggini.

Nel capitolo 'Imitazione del Cristo' Angelo Fortunato Formiggini anticipa, con elegante sintesi, la sua fine. Editore apprezzatissimo durante il 'suo' quindicennio fascista (morì il 29 novembre del 1938 lanciandosi dalla torre civica modenese della Ghirlandina),

immagine
Alfredo Ronci

Il romanzo reportage di Ottiero Ottieri: ‘Donnarumma all’assalto’.

Qual è in fondo la verità del pensatore socialista-marxista Ottiero Ottieri? Quella di sopravvivere al presente proponendo sistemi di lavoro più aperti e democratici, o quella di sottostare al complesso masticatorio di un impiego comunque alienante?

immagine
Alfredo Ronci

'Il mestiere del furbo' di Giose Rimanelli

Lo abbiamo già detto in un precedente articolo su Giose Rimanelli: l’autore subì un vero e proprio ostracismo da parte di una più che nutrita fascia di intellettuali e critici antifascisti del periodo

immagine
Alfredo Ronci

Una semplice storia di fuga: “Vaca Mora” di G.A. Cibotto.

Di lui disse Carlo Bo: Chi lo incontri per la prima volta, non può fare a meno di restare colpito dal suo accento sincero, dal gusto naturale per la vita e dal suo bisogno di stare bel saldo sulla realtà.

immagine
Alfredo Ronci

Dall’abbecedario al lessico: “Lessico famigliare” di Natalia Ginzburg.

Il libro venne alla luce nel 1963. Vogliamo dire che quello fu un anno particolarmente agitato per la letteratura italiana?

immagine
Alfredo Ronci

La fiamma del peccato: “Canne al vento” di Grazia Deledda.

Non me ne voglia nessun lettore, ma in questo breve commento che si sta facendo su una controversa scrittrice italiana, Grazia Deledda, nasce una domanda che, apparentemente, non avrebbe nemmeno senso se si considera l’anno di morte della stessa: agosto 1936. Ma la scrittrice fu antifascista?

CERCA

NEWS

  • 2.02.2023
    Adelina Dokja
    "L'unico modo per sbarazzarsi..."
  • 16.01.2023
    Malcom X
    "Nessuno può darti l libertà. Nessuno..."
  • 28.12.2022
    Karl Kraus
    "Il Diavolo è un ottimista..."

RECENSIONI

ATTUALITA'

CINEMA E MUSICA

RACCONTI

SEGUICI SU

facebookyoutube