Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Il Paradiso degli Orchi
Home » Video

Pagina dei contenuti


Video

immagine
Il Paradiso degli Orchi

Paolo Poli: visita alla contessa Eva Pizzardini Ba.

Era inevitabile. Cioè a dire, come si fa a mettere in video un letterato come Palazzeschi e non godere della presenza di un attore come Paolo Poli?

immagine
Il Paradiso degli orchi

Omaggio ad Anna Maria Ortese

Recentemente Adelphi ha pubblicato Mistero doloroso, una sorta di ritrovamento miracoloso: 27 cartelle della Ortese che erano andate perse, e che mostrano ancora una volta l'arte straordinaria dell'autrice de Il mare non bagna Napoli.
Proprio questo ritrovamento (andatevi a leggere la recensione che gli abbiamo dedicato) ci ha suggerito questo omaggio. Che parla un po' della storia di quella che 'forse' è la più grande scrittrice italiana del novecento.

immagine
Federica Scotellaro intervista Daniel Pennac, autore francese, in occasione della serata conclusiva di Incroci di civiltà 2019

La scrittura secondo Pennac: "la traccia di uno sguardo"

immagine
Il Paradiso degli Orchi

Il Sarchiapone

Un grande attore comico, Walter Chiari (1924-1991) insieme alla sua storica "spalla" Carlo Campanini (1906-1984) interpreta una scenetta diventata proverbiale: Il Sarchiapone. Sempre attualissimo, questo sketch mostra quello che succede quando qualcuno pretende di parlare vantando conoscenze che non ha. Succede spesso, in tutti i campi.

immagine
Il Paradiso degli Orchi

Palmyra

Il 18 Agosto 2015 Khaled al-Asaad, l’ottantaduenne archeologo e responsabile del sito archeologico di Palmira fino al 2003, fu decapitato pubblicamente e appeso ad un palo della luce dai jihadisti del sedicente Stato Islamico. Per più di 50 anni Khaled Asaad era stato il responsabile delle antichità della città, e all’arrivo dei jihadisti aveva nascosto centinaia di statue in un luogo sicuro. NeI 2017 i Deadline-Induced Panic hanno dedicato la loro canzone Palmyra a questo martire della civiltà.

immagine
Il Paradiso degli Orchi

Intervista a Céline

Louis-Ferdinand Céline, pseudonimo di Louis Ferdinand Auguste Destouches (Courbevoie, 27 maggio 1894 – Meudon, 1º luglio 1961) rilascia qui un’intervista sul suo mestiere di scrittore. Ironico e disincantato, spiega senza mezzi termini la necessità della scrittura come mezzo di sussistenza, fino ad ammettere che l’intervista stessa è un mezzo per scucire qualche anticipo all’editore Gallimard. Parla dello sforzo immane di “congelare” su un foglio ciò che è nato dall’entusiasmo, e del fatto che il foglio si ribella, proprio non vuole!

immagine
Il Paradiso degli orchi

Arthur Cravan: poeta e pugile.

Nella vita di Arthur Cravan (1887-1918) è difficile stabilire dove finisca la realtà e dove cominci la finzione. Alto quasi due metri, fisico possente, una passione smodata per gli pseudonimi (se ne contano almeno nove), praticò tra mille altre cose la boxe e la letteratura. Fondò e diresse la rivista letteraria Maintenant, diede scandalo nei sofisticati ambienti artistici parigini, si esibì in stravaganti dancing-boxing. Dopo aver affrontato il campione del mondo di pugilato Jack Johnson...

immagine
Il Paradiso degli orchi

L'anormalità di Alberto Moravia

Sono più di vent'anni che è morto Moravia. E ci manca. In questo stralcio d'intervista lo scrittore racconta quel che è stato (ci spiega indirettamente anche la natura di Agostino, il classico che vi offriamo questa settimana), il suo presente e l'insopportabilità della famiglia come istituzione. Sembrerebbe un discorso fuori moda e 'alternativo', di altri tempi. Ma siamo davvero sicuri?

immagine
Il Paradiso degli orchi

Walter Siti e l'amore

Approfittamo della presentazione di un suo 'vecchio' romanzo, Un dolore normale per ascoltare e vedere in video il professore-scrittore Walter Siti, che discetta sull'amore. Se ne può convenire e no. L'importante è seguirlo con attenzione.

immagine
Il Paradiso degli orchi

Le poesie di Sandro Penna

Se nella sezione 'classici' trattiamo l'unico libro in prosa di Sandro Penna, nella sezione 'video' abbiamo pensato di introdurvi (ma ce n'è davvero bisogno?) nel mondo aggraziato e malinconico del grande poeta. Scorrono, senza commenti e senza musica, alcune tra le poesie più struggenti di quello che ormai è considerato una delle voci più intense di tutto il novecento, non solo italiano.

CERCA

NEWS

RECENSIONI

ATTUALITA'

RACCONTI

SEGUICI SU

facebookyoutube