Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Il Paradiso degli Orchi
Home » I Classici

Pagina dei contenuti


I Classici

immagine
Alfredo Ronci

Un bel romanzo “nonostante tutto”: “Demetrio Pianelli” di Emilio De Marchi.

Il titolo del pezzo già dice tutto. “Nonostante tutto” un bel romanzo. Perché “nonostante tutto” e soprattutto perché un bel romanzo

immagine
Massimo Grisafi

Dopo tanto tempo... "La bella estate" di Cesare Pavese.

Ho riletto La bella estate di Pavese dopo tantissimo tempo, incuriosito dal fatto che lo scorso anno ne è stato tratto un film (ammetto di non averlo visto, anche perché non ha avuto una grande distribuzione).

immagine
Alfredo Ronci

Un sottoproletariato ancora intatto: “Ragazzi di vita” di Pier Paolo Pasolini.

Ragazzi di vita è del 1955, quando Pasolini, dopo varie esperienze come professore, arrivò a Roma per sperimentare nuove problematiche artistiche.

immagine
Alfredo Ronci

Non so se è vero, ma molto valido: “La bellezza di Ippolita” di Elio Bartolini.

Di fronte a certe opere mi sorge un quesito. Un quesito, e davvero lo riconosco come tale, che è certamente tutto mio, ma nella realtà sembra esistere.

immagine
Alfredo Ronci

L’irreparabile che oggi appare consueto: “L’Arialda” di Giovanni Testori.

L’Arialda, come è noto, fece scandalo. Incriminata per offesa al comune senso del pudore, l’opera fu poi assolta.

immagine
Alfredo Ronci

Un “fantastico” classicista: “Le notti romane” di Giorgio Vigolo.

E’ per puro caso che sono venuto a conoscenza di Giorgio Vigolo. Intanto perché nelle rassegne editoriali nostrane non viene quasi mai segnalato e poi perché forse è dipeso da lui se oggi come oggi possiamo a malapena ricordarci delle sue produzioni.

immagine
Alfredo Ronci

Una residenza felice: “Vita in villa” di Clotilde Marghieri.

Allora, immaginatevi una intellettuale, meglio ancora, una giornalista (non che le due cose possano separarsi) che, arrivata ad una certa età (perché dirlo) decide di abbandonare la città e trasferirsi in campagna

immagine
Alfredo Ronci

Sentire “animale”: “Bestie e noi” di Eva Quajotto.

Nella collana dedicata al Novecento Italiano, nella edizione Giunti, il responsabile Enzo Siciliano dedicò, ad un certo punto, un libro scritto da Eva Quajotto. Già so la reazione dei nostri lettori: ma chi era effettivamente Eva Quajotto?

immagine
Alfredo Ronci

Ma quali spettri. Solo l’incanto: “Storie di spettri” di Mario Soldati.

Mario Soldati è stato un grande scrittore, a prenderla alla leggera, perché se vogliamo indagare su tutto quello che ha prodotto e fatto, altro che due paginette di questa rivista ci basterebbe.

immagine
Alfredo Ronci

Altro che cronache cattive: “Cronache cattive” di Ugo Facco de Lagarda.

Forse nemmeno noi ce ne siamo accorti ma, in questo preciso momento e affrontando l’analisi di questo bel libro, siamo al quarto intervento dedicato a Ugo Facco De Lagarda.

CERCA

NEWS

RECENSIONI

ATTUALITA'

CINEMA E MUSICA

RACCONTI

SEGUICI SU

facebookyoutube