Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Il Paradiso degli Orchi
Home » I Classici

Pagina dei contenuti


I Classici

immagine
Alfredo Ronci

Un ‘giallista’ anomalo: “Uno, due, tre” di Tito A.Spagnol.

Vale la pena parlare di uno scrittore che, nonostante tutto, cioè nonostante le ristrettezze del regime fascista, seppe in qualche modo portare avanti un discorso letterario,

immagine
Alfredo Ronci

Ma sono davvero dei ragazzi?: “I ragazzi della spiaggia” di Rolando Viani.

Lorenzo Viani. Chi era costui? A volte (in realtà quasi sempre), nelle Enciclopedie della letteratura italiana, non viene nemmeno preso in considerazione.

immagine
Alfredo Ronci

Il triste “umanesimo” di un siciliano: “Giovannino” di Ercole Patti.

La quarta di copertina del libro in oggetto parla di “una educazione sentimentale”. Forse è un po’ troppo

immagine
Alfredo Ronci

E cosa ti fa un nuovo scrittore?: “La parte difficile” di Oreste Del Buono.

Un romanzo che è al tempo stesso di azione e di stranite atmosfere, una storia di terso e spietato vigore, un libro che non vi lascierà dormire. Queste poche righe sono state prese dal libro di Raymond Queneau Esercizi di stile

immagine
Alfredo Ronci

Uno scrittore che si è voluto censurare: “I superflui” di Dante Arfelli.

Arfelli dice d’averlo scritto in dieci giorni e che in mente aveva, anche se parzialmente, i nomi di Hemingway, di Tennessee Williams e del nostro Giuseppe Berto,

immagine
Alfredo Ronci

Uno scrittore fuori da ogni moda: “Traditori di tutti” di Giorgio Scerbanenco.

Giorgio Scerbanenco ha avuto una vita tutt’altro che felice. Un passato burrascoso, col padre, Valeriano che, insegnante in una scuola di Kiev, fu fucilato

immagine
Alfredo Ronci

Divertirsi non è un problema: “La trappola colorata” di Luciano Folgore.

Luciano Folgore, nome d’arte di Omero Virgilio Cesare Francesco Vecchi (1888-1966), fu tra i principali collaboratori di Marinetti,

immagine
Alfredo Ronci

Un marxista per forza: ‘Le terre del Sacramento’ di Francesco Iovine.

Su Francesco Iovine è stata fatta, almeno stando a quanto si è letto e soprattutto si è scritto, una tassonomica precisazione sul suo operato, o meglio, su quanto lo scrittore stesso, nel corso della sua attività, ha prodotto.

immagine
Alfredo Ronci

Il lavoro distruttivo del fascismo: “L’uomo di Camporosso” di Guido Seborga.

Seborga è stato uno scrittore dimenticato, i suoi libri, che hanno avuto discreto successo a partire dalla fine degli anni quaranta, non sono stati mai più ripubblicati e su di lui ovviamente, è caduto il silenzio.

immagine
Alfredo Ronci

Resistenza, sempre Resistenza: “Il gallo rosso” di Giovanni Dusi.

Mi sarebbe piaciuto sapere cosa avrebbe potuto dire Claudio Pavone su questo libro che uscì nel 1973 per Marsilio.

CERCA

NEWS

ATTUALITA'

CINEMA E MUSICA

RACCONTI

SEGUICI SU

facebookyoutube