Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Il Paradiso degli Orchi
Home » I Classici

Pagina dei contenuti


I Classici

immagine
Alfredo Ronci

Scrittore o psichiatra? “Per le antiche scale” di Mario Tobino.

Tutti sono d’accordo nel dire che Per le antiche scale è il perfetto proseguo de Le libere donne di Magliano, classico anche questo e sul quale trattammo anche noi

immagine
Alfredo Ronci

Lo scrittore dell’esilio? “La città di Miriam” di Fulvio Tomizza.

Lo scrittore Giorgio Voghera lo definì lo scrittore dell’esilio. Ma non è soltanto questo il motivo che portò Tomizza ad avere un notevole successo in Italia

immagine
Alfredo Ronci

Un libro ahimé trascurato: “Era l’anno del sole quieto” di Carlo Bernari.

In uno dei suoi innumerevoli scritti dedicati alla letteratura italiana, Walter Pedullà commette un errore (lo so, è difficile ammetterlo, ma è così, per quanto non si abbia una conoscenza totale delle sue opere):

immagine
Alfredo Ronci

C’è del vero e del falso ne “La Califfa” di Alberto Bevilacqua.

Devo ammetterlo, Alberto Bevilacqua non mi è mai piaciuto, nonostante non avessi mai letto nulla di lui. I motivi? Francamente mi sfuggono anche se

immagine
Alfredo Ronci

Un intellettuale “meraviglioso”: “Una storia meravigliosa” di Dino Terra.

In realtà il suo vero nome era Armando Simonetti, ma cambiò il suo cognome nel lontano 1920 quando, non ancora diciassettenne, esordì in campo saggistico-letterario con una sorta di pamphet dal titolo D’Annunzio e il caso Fiume

immagine
Alfredo Ronci

Un amore finalmente vero: “Un cuore di troppo” di Aldo Busi.

Penso che Un cuore di troppo rappresenti per Busi una sorta di limite. Per carità, attenti alle parole quando si tratta di parlare dello scrittore bresciano

immagine
Alfredo Ronci

Fallimento di una socializzazione: “Il gelo” di Romano Bilenchi.

Che scrittore è Romano Bilenchi? Una domanda questa che veniva posta da Massimo Onofri in un passo della Storia generale della Letteratura italiana.

immagine
Alfredo Ronci

L’intellettuale che fa i conti con l’infanzia: “Tragedia dell’infanzia” di Alberto Savinio.

Scriveva tempo fa Walter Pedullà: Alberto Savinio fu scrittore, musicista, pittore, drammaturgo e regista teatrale. Scrisse racconti, poesie, romanzi, saggi, testi teatrali, libri di viaggi, articoli per riviste e giornali,

immagine
Alfredo Ronci

Uno Strega “mancato”: “La grande sera” di Giuseppe Pontiggia.

La questione è vecchia da quando è nato: ma il premio Strega è attendibile? Meglio ancora, il premio è davvero così importante da offrire al pubblico una scelta “definitiva” delle opere editoriali?

immagine
Alfredo Ronci

L’arte della semplicità ‘impegnata’: “I beati anni del castigo” di Fleur Jaeggy.

L’uscita, nel 1989 per Adelphi, di questo libro mi procurò dei sommovimenti che solo anni più tardi, anzi abbastanza recentemente, sono riuscito a risolvere.

CERCA

NEWS

RECENSIONI

ATTUALITA'

CINEMA E MUSICA

RACCONTI

SEGUICI SU

facebookyoutube