Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Il Paradiso degli Orchi
Home » Recensioni

Pagina dei contenuti


Recensioni

immagine
Sandro Bonvissuto

La gioia fa parecchio rumore

Einaudi, Pag. 191 Euro 18,50

Forse ha ragione Sandro Bonvissuto quando dice che la tristezza è muta. Riecheggia le parole di Fortebraccio in chiusura della più famosa tragedia shakespeariana. E ha sicuramente ragione quando dice che, al contrario, La gioia fa parecchio rumore, e questo perché se sei romano (e romanista) la gioia la devi mostrare.

immagine
Caterina Mortillaro

Devaloka. Il pianeta degli dèi

Delos Digital, Pag. 424 Euro 19,00

La cosa che più incuriosisce, accostandosi alla lettura, è l’originalità dell’ambientazione. Perché, se è vero che il romanzo inizia nella tradizione del perfetto classico di avventure spaziali, con un’astronave alla deriva insieme a tutto l’equipaggio, è anche vero che è un po’ meno classico ritrovare i superstiti sani e salvi su un pianeta che è diventato una colonia dell’India induista, governata secondo rigidi principi religiosi.

immagine
Massimiliano Giri

Il senso delle parole rotte

Il Giallo Mondadori, Pag. 240 Euro 6,50

È arrivato in edicola cinto dall’alloro del Premio Alberto Tedeschi, un concorso istituito nel 1980 in memoria dello storico direttore del Giallo Mondadori, scomparso l’anno precedente, e finalizzato a far emergere autori italiani. Fra i vincitori del passato si annoverano nomi prestigiosi come Loriano Macchiavelli e Carlo Lucarelli.

immagine
Giorgio Manganelli

Concupiscenza libraria

Adelphi, Pag. 437 Euro 24,00

Ho cercato la parola “concupiscenza” sul vocabolario. Quello di carta. Non su Internet. E il primo capitatomi davanti. Il “Devoto-Oli” così recita: Intenso desiderio di un appagamento, spec. Erotico. Nella morale cristiana, passione intemperante, predominio della materia sullo spirito.

immagine
Cecilia M. Giampaoli

Azzorre

Neo Edizioni, Pag. 162 Euro 14,00

Sembra di esserci. Non certo per una meticolosità descrittiva, che probabilmente sortirebbe l’effetto contrario, ma per la voce di verità con cui l’autrice racconta il suo viaggio. Lo fa con la leggerezza di chi si lascia andare, di chi si apre agli incontri e alle incognite.

immagine
Livio Santoro

Piccole apocalissi

Edicola Edizioni, Pag. 78 Euro 11,00

Di che si tratta? Brani brevi, brevissimi, dei concentrati di pura eleganza stilistica, dove il senso e il non senso danzano insieme, così avvinghiati da scambiarsi spesso i ruoli davanti agli occhi del lettore, lasciandolo attonito a strologare sull’invisibile meccanismo di una così fine prestidigitazione.

immagine
Carlo Lapucci

L'arte di fare il cattivo

Graphe.it, Pag. 56 Euro 6,00

Ovvero origine, epifanie e metamorfosi dell’Orco. Qui si raccontano nascita e trasformazioni di un personaggio che ormai tendiamo a immaginare in modo piuttosto superficiale, appiattito su modelli stereotipati se non addirittura sui suggerimenti dei film di animazione. Invece, è bene saperlo, l’Orco trae origine in ambito mitologico, e basterebbe riflettere sul nome per collocarlo nel suo habitat naturale, cioè nel mondo degli inferi.

immagine
Daniele Garbuglia

Fare fuoco

Società Editrice Milanese, Pag.185 Euro 16.00

Nella ormai mia lunga esistenza posso dire di aver conosciuto ben due terroristi. Uno (a dir la verità una) di estrema sinistra e l’altro di estrema destra.

immagine
Caterina Perali

Le affacciate

Neo Edizioni, Pag. 158 Euro 14,00

Ci sono almeno due modi per affacciarsi, e li troviamo qui. Uno rientra nello stile di vita delle case di ringhiera. L’altro è il mondo dei social, dove la protagonista sta perennemente affacciata chattando con la sua amica del cuore.

immagine
Valentina Parisi

Una mappa per Kaliningrad

Exòrma, Pag. 256 Euro 15,90

Inizia come un viaggio nella memoria familiare, quello dell’autrice, che dopo la morte del nonno parte alla ricerca del campo di prigionia in cui era stato internato verso la fine della guerra. Le suggestioni dei racconti in famiglia, con le caratteristiche espressioni tratte da linguaggi diversi, lasciano presto il posto a un altro tipo di suggestione. È il fascino mortuario di un luogo che è insieme due città, diverse e contrapposte

CERCA

NEWS

RECENSIONI

SEGUICI SU

facebookyoutube