Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Il Paradiso degli Orchi
Home » Recensioni

Pagina dei contenuti


Recensioni

immagine
Irena Brežná

Le lupe di Sernovodsk

Keller Editore, Pag. 224 Euro 16,00

Sottotitolo: Reportage sulla Cecenia L’Autrice, di origine cecoslovacca, vive e lavora in Svizzera come giornalista. Dei suoi viaggi sui teatri di guerra riporta qui le cronache finalmente restituite all’integrità del suo punto di vista, liberate cioè da quelle censure e manipolazioni imposte dalla committenza, perché le redazioni dei giornali mal sopportano che la verità esca troppo dai luoghi comuni. È quasi un’ossessione, più volte ribadita, quella del gap fra ciò che vorrebbe dire e mostrare e i compromessi che umiliano la sua libertà di osservazione.

immagine
Georges Simenon

La casa dei Krull

Adelphi, Pag. 210 Euro 19,00

Insomma, un noir che pur non guardando all’attualità del tempo, è ancor di più pregnante e attuale, che trasforma la realtà in un ammasso inquieto e paralizzante e che disturba anche chi sin dall’inizio, in un gioco di rimandi e contro rimandi, è stato a sua volta disturbato ed ostracizzato.

immagine
Barbara Frale

La leggenda nera dei Templari

Editori Laterza, Pag. 230 Euro 18,00

Non vuole essere la storia dei Templari, ma quella della loro leggenda. Anzi, cosa ancora più interessante, descrivere l’evoluzione della leggenda nel corso del tempo. Da leggenda santa e gloriosa a leggenda “nera”. Come un trattato sulla post-verità.

immagine
Lukha B. Kremo

Pulphagus® Fango dei cieli

Urania 1636 Mondadori, Pag. 220 Euro 6,50

Vincitore dell’ultima edizione del Premio Urania, questo romanzo ha il pregio di creare un microcosmo completo e coerente in un luogo che pur non essendo terrestre contiene, della Terra, tutti i peggiori incubi.

immagine
Nicola Verde

Il vangelo del boia

Newton Compton, Pag. 320 Euro 9,90

Al centro del romanzo c’è la figura di Mastro Titta, ombrellaio di professione e boia papalino, che nella sua lunga carriera ebbe al suo attivo più di cinquecento “giustizie”. Figura interessante Mastro Titta, già portata in teatro e al cinema diverse volte: un boia certo, ma con la sua morale e per questo tutto sommato rispettato dal popolo.

immagine
Luca D’Andrea

La sostanza del male

Einaudi, Pag. 464 Euro 18,50

La Bestia è la forza bruta di una natura violata. La Bestia è la montagna selvaggia. È la valanga che la montagna impugna come arma mortale. La Bestia è la natura feroce nascosta nel cuore dell’uomo. La Bestia è un mostro preistorico che si annida ancora nascosto da qualche parte.

immagine
Alberto Vigevani

L'invenzione

Sellerio, Pag. 171 Euro 12,00

Sellerio ha pubblicato un piccolo capolavoro, e lo ha fatto stando dietro ad un autore che già nel corso della sua esistenza aveva ottenuto stima e considerazione dai grandi. Autore che si lasciò amare per una sorta di candore quasi adolescenziale delle vicende, e che qui, ne L’invenzione, trova il rendiconto più realistico e poetico della sua narrativa.

immagine
Ivo Scanner

La spada nella carne

Soletti Editore, Pag. 141 Euro 14,00

Un romanzo è il suo protagonista, nel senso che senza di lui non ci sarebbe una storia da raccontare. Ecco, se questo è vero, allora La spada nella carne è Godzy Edben, il personaggio principale dell’ultimo romanzo di Ivo Scanner — di cui ricordiamo romanzi come La borsa di Togliatti, Le mani del Che o il più recente Pedofobo.

immagine
Giovanni Dozzini

La scelta

Nutrimenti, Pag. 250 Euro 17,00

La vicenda riguarda gli abitanti di un’Isola del Trasimeno, in prevalenza pescatori, che sembravano vivere in una nicchia tranquilla ai margini della Storia durante il periodo dell’occupazione tedesca, nel 1944. In realtà si troveranno al centro di una situazione difficilissima e pericolosa, combattuti fra la minaccia mortale costituita dagli oppressori, incattiviti dalla sconfitta imminente, e il senso di responsabilità nei confronti di un gruppo di ebrei fuggiaschi nascosti nel cuore dell’isola.

immagine
Marcel Jouhandeau

Il cadavere rapito

Adelphi, Pag. 88 Euro 10.00

Non è mica facile da capire Marcel Jouhandeau. Nello stesso tempo sì. Certo non era tenero sopravvivere intorno alla metà del secolo scorso (e anche meno) con voglie simili: pur tentando di resistere cristianamente (era un fervido cattolico) erano conosciute a tutti le sue ossessioni omosessuali.

CERCA

NEWS

RECENSIONI

RACCONTI

SEGUICI SU

facebookyoutube