Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Il Paradiso degli Orchi
Home » Recensioni

Pagina dei contenuti


Recensioni

immagine
Clelia Farris

Necrospirante

Delos Digital, Pag. 228 Euro 15,00

Riguardo a questo romanzo vorrei coniare il termine “distopia magica” per il suo modo di descrivere l’ambiente. Si tratta di un mondo post moderno parzialmente desertificato, invaso dalla sabbia, abitato da popolazioni umane culturalmente impoverite e attaccate a valori imposti dalle nuove necessità di vita, ma anche piene di stupore per fenomeni e reperti ereditati dalle civiltà precedenti. I cercatori che si muovono con gli sci sulla sabbia per recuperare tesori sepolti ricordano un po’ gli stalker dei fratelli Strugatsky, in bilico fra la cinica avidità e il senso del meraviglioso.

immagine
Antonio Manzini

Pulvis et umbra

Sellerio, Pag. 416 Euro 15,00

Qualcuno si chiederà: come mai l’autore, cioè Antonio Manzini, ha avuto la prosopopea di chiarire ai lettori nazionali che questo suo romanzo, Pulvis et umbra, è in assoluto il suo migliore?

immagine
Elena Di Fazio

Ucronia

Delos Digital, Pag. 268 Euro 15,80

Forse dovrei essere più distaccata, far finta di niente, esibire neutralità o almeno compostezza. Invece non riesco a nascondere l’entusiasmo vedendo il panorama della fantascienza italiana fiorire di tante valide presenze femminili. È la volta di Elena Di Fazio, vincitrice con Ucronia del Premio Odissea 2017. La prima cosa che salta agli occhi è l’audacia, oserei dire la genialità, con cui viene trattano il tema delle distorsioni temporali.

immagine
Wanda Marasco

La compagnia delle anime finte

Neri Pozza, Pag. 240 Euro 16,50

Di intensità quasi dolorosa, questo romanzo finalista al Premio Strega potrebbe stare accanto a L’oro di Napoli di Marotta, rappresentandone il lato oscuro. La dimensione corale, gli umori di una collettività povera e trafelata, la città come personaggio onnipresente richiamano la materia di quei racconti, anche se qui le storie si intrecciano e si uniscono lungo un unico filo narrativo. Altra differenza è che se nella raccolta di Marotta la protagonista è la vita, sia pure una vita tribolata e sempre in bilico fra le insidie quotidiane, qui è la morte a scandire il tempo e i ricordi, unificando le storie nella comune qualità di storie perdenti.

immagine
a cura di Giorgio Majer Gatti

Propulsioni d’improbabilità

Zona 42, Pag. 368 Euro 14,90

Che il racconto di fantascienza sia un genere a sé è sempre stata una mia profonda convinzione. Perché la specificità della fantascienza non si definisce nel raccontare una storia, ma nel proporre un’idea. Idea che prendendo spunto da un presupposto scientifico ne tragga conseguenze insolite e originali. Che poi l’idea offra uno specchio deformante per rappresentare la realtà da un punto di vista più libero è, più o meno consapevolmente, il bersaglio finale. Da queste premesse scaturisce che la forma breve del racconto, (a differenza del romanzo che deve soddisfare certi requisiti di credibilità per poter costruire una storia) consente la massima libertà possibile nel lanciare dardi che sfondino il muro dell’inconsueto e del paradossale.

immagine
Han Kang

Atti umani

Adelphi Edizioni, Pag. 208 Euro 19,00

Scagli la prima pietra chi ricorda situazione politica della Corea del Sud nel 1980, dopo il colpo di stato di Chun Doo-hwan. Abituati come siamo a temere e deprecare la dittatura della Corea del Nord, dimentichiamo che la Corea del Sud è stata straziata da feroci dittature di destra che hanno soffocato nel sangue la protesta di tanti cittadini, per lo più giovani e giovanissimi.

immagine
Baret Magarian

Melting point

quarup, Pag. 156 Euro 14,90

Qualcuno di voi dirà: ma chi è questo qui e soprattutto ma perché proprio lui? Non ho una risposta precisa. Certo, conta la casa editrice (ne ho un ottimo ricordo e visto che è piccolina, mi auguro che possa resistere).

immagine
Franci Conforti

Carnivori

Kipple Officina Libraria, Pag. 208 Euro 15,00

Sarebbe difficile riassumere il soggetto di un romanzo così intenso, in cui le scene d’azione sottendono una densità emotiva di grande impatto, insieme a una profusione di quesiti esistenziali. Mentre vediamo la storia imporsi con evidenza cinematografica veniamo coinvolti in un dibattito interiore a cui nessuno può sentirsi estraneo: la necessità di nutrirsi che entra in confitto con il rispetto per la natura e per le sofferenze delle creature viventi. Non c’è solo la questione animale, ma anche il problema della sofferenza vegetale, in questa Terra del ventiduesimo secolo in cui la battaglia ideologica sugli aspetti etici dell’alimentazione ha raggiunto livelli drammatici.

immagine
Gaito Gazdanov

Strade di notte

Fazi Editore, Pag. 238 16,50

C’è una città di notte e questa città è Parigi, con i suoi angoli oscuri, i suoi boulevard e i bar aperti fino al mattino, dove i ritmi scorrono lenti e si incontrano i personaggi più bizzarri. A fare da legame tra questi luoghi e questi uomini è il tassista, il protagonista del bellissimo Strade di notte di Gaito Gazdanov.

immagine
Tommaso Landolfi

Racconti impossibili

Adelphi, Pag.193 Euro 14,00

Sarebbe da chiedersi come mai Adelphi abbia voluto pubblicare, di Landolfi, proprio Racconti impossibili, ma poi ci sovviene che l’intera opera del maestro di Pico sarà messa alla pubblica opinione… per cui abbozziamo e andiamo avanti.

CERCA

NEWS

RECENSIONI

ATTUALITA'

RACCONTI

SEGUICI SU

facebookyoutube