Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Il Paradiso degli Orchi
Home » Cinema e Musica

Pagina dei contenuti


Cinema e Musica

immagine
Adriano Angelini Sut

Album d'esordio per gli Young the Giant. Ondeggiano fra i Maroon 5 e i Coldplay, ma mirano altrove

Capita che un album esca nel 2010 sotto silenzio totale e due anni dopo venga ristampato perché esce un singolo che impone il gruppo a livello mondiale. Succede con gli Young the Giant, band di Irvine, California. L'album omonimo è uscito nel 2010 ma è solo nel 2011 che i singoli iniziano a imporsi. "Apartment" leggera come una ballata indie-pop, "My Body" più scatenata nel suo rock cantilenato. E tuttavia, è solo nel 2012 che il gruppo finalmente si impone sulle scene con il singolo che li ha lanciati alla grande e ha fatto riesplodere l'album: 'Cough Syrup', decisamente uno dei pezzi dell'anno.

immagine
Alfredo Ronci

La Pippa non è pippa affatto: 'Amami' di Arisa.

La Pippa Rosalba, in arte Arisa, è stata la più bella sorpresa del passato Sanremo, presentando un brano 'La notte' di inusitata eleganza per una platea di quel genere. Donde veniva siffatta grazia? Sicuramente da chi la produceva e da chi l'accompagnava orchestralmente sul palco: Mauro Pagani.
Il violinista più creativo ed intelligente del nostro panorama musicale ne ha fatta un'altra delle sue: fregandosene dell'allure un po' sbarazzino della Pippa, le ha confezionato un brano ed un intero album, appunto Amami, che in alcuni momenti lascia affascinati e storditi.

immagine
Alfredo Ronci

Basta co' 'ste ciance, questo è rock. Sinead O' Connor: 'How about I be me (and you be you)'.

'Sta storia che il rock è morto è un finto problema. Non credo si tratti di onorar cadaveri, ma piuttosto di capirne l'essenza. Se il rock lo intendiamo come partecipazione allora qualche dubbio sulla sua vitalità ce l'avrei pure io, se l'intendiamo come un'espressione essenzialmente culturale, allora mi pare che le cose stiano in modo diverso.
Prendiamo per esempio Sinead O' Connor, son passati ormai vent'anni da quando strappò in televisione la foto di papa Woytila

immagine
Adriano Angelini Sut

Tornano i Counting Crows con un album di cover, e riprendono decisamente vita.

Purtroppo (o per fortuna) io ho ancora negli orecchi la voce celestiale di Adam Duritz degli anni'90 (insieme a quella di Mark Lanegan, una delle più affascinanti dell'ultimo scorcio del secolo scorso). Mi risuonano le note di due album che hanno segnato la storia del rock americano come August and Everything After e Recovering the Satellites. Difficile, se non impossibile abituarsi a tutto quello che hanno partorito dopo (o che non hanno partorito), se si eccettua il live Across the Wire.

immagine
Alfredo Ronci

Sarà nostalgia però... : Caetano Veloso, David Byrne 'Live at Carnagie Hall'

Mi si conceda di dir questo, prima del silenzio, perché è cosa che appartiene innanzi tutto alla mia persona, poi a ciò che ella rappresenta.
Cerco di spiegarmi: mi arriva il disco in questione e mi vien da cogitare. Ossignore come cogito, e alla fine erutto in considerazioni personalissime. E contrarie al senso comune.
Domanda: ma 'sti due stanno davvero bene insieme? Cioè... era inevitabile il loro incontro? Ma davvero l'amalgama, considerando la musica, è perfetto?

immagine
Luigi Cipriani

L'incontenibile elettricità dell'essere: 'Meanwhile in Madland' di Herva.

Esistono degli incontri che hanno il potere di cambiare una vita. Poco importa se sia macchina o umano. Quello che conta è l'impatto sulla singola esistenza. Herva aveva 8 anni quando scoprì 'Fruity Loops', un programma che permette di creare musica. La sua autocoscienza, appena sufficiente ad afferrare un disco, credere che sia un videogioco e inserirlo nel lettore del pc, lo condusse davanti a un rompicapo di equalizzatori intrappolati in un monitor. Pochi secondi, necessari a dover affrontare la consapevolezza di non aver trovato il mondo che cercava, ma di esserci entrato.

immagine
Alfredo Ronci

Goliardica, ma divertente: Nina Zilli 'L'amore è femmina'.

L'hanno persino chiamata Mina Zilli.
A Sanremo l'acconciatura a nido di cicogna ha contribuito ad alimentare la diceria, anche se in fondo già nel precedente disco del 2010 i riferimenti alla tigre di Cremona c'erano tutti. Ma vanno fatti i distinguo: la Nina non ha la voce della Mina, né l'estensione, né la duttilità, né la drammaturgia. Tanto per dire: potrebbe mai la Maria Chiara (il suo vero nome) cantare chessò un Astor Piazzola d'annata e rendere il brano leggendario?

immagine
Michele Lupo

L'ultimo terrestre

Per chi se lo fosse perso, vale la pena segnalare l'uscita in dvd di un film insolito, non del tutto riuscito, ma certo interessante e non privo di una sua periclitante grazia – parliamo de L'ultimo terrestre, opera prima di Gipi, nome d'arte del fumettista Gianni Alfonso Pacinotti.
Tutto comincia con uno sfondo di cielo stellato e la messa in onda di una nota trasmissione radiofonica.

immagine
Francesco Tromba

Roger Daltrey a Roma: il rock è morto, o forse no...

I Hope I die before I get old', canta Roger Daltrey in 'My Generation', ma la notizia è che la voce del frontman londinese è ancora viva e potente, in grado di sostenere un tour e regalare ancora emozioni per un concerto di oltre due ore.
La prima parte dello spettacolo è dedicata a Tommy, l'opera rock scritta da Pete Townshead (ormai quasi del tutto sordo), da cui Ken Russel ha tratto un film. Daltrey parte piano, facendo pensare che prima o poi tutti invecchiano, e che non è più il rocker di una volta.

immagine
Francesco Tromba

Tingvall Trio

Il jazz nordico ci ha regalato diverse formazioni interessanti, come quella del compianto Esbjorn Svensson Trio. Proprio dal trio svedese prende corpo il Tingvall Trio che a differenza dell'E.S.T. però è tutto acustico e si muove attraverso diverse sonorità, dal pop alla musica classica, dal jazz al folk. Il trio composto da Martin Tingvall al pianoforte, da Omar Rodriguez Calvo al contrabbasso e da Jurgen Spiegel alla batteria si sta piano piano imponendo sul panorama jazz europeo come una delle formazioni più interessanti. Abbiamo intervistato Martin Tingvall.

CERCA

NEWS

RECENSIONI

ATTUALITA'

RACCONTI

SEGUICI SU

facebookyoutube