Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Il Paradiso degli Orchi
Home » Recensioni » Vacanza indù

Pagina dei contenuti


RECENSIONI

J.R.Ackerley

Vacanza indù

Adelphi, Traduzione di Franco Salvatorelli, Pag. 273 Euro 18.00
immagine
Lo dico ai giovani, o giovanissimi, che dovessero soffermarsi sul libro. Non è un testo sulla bellezza dell’India. Non è una minuziosa  mappa delle meraviglie di essa. Vacanza indù è semplicemente un’avventura, al limite (a volte) della incertezza.
Ma non è una incertezza voluta. Ackerley che oggi è considerato tra i migliori narratori inglesi del novecento (vorrei soltanto ricordare Mio padre ed io, magnifica ossessione e straripante quadro generazionale), affronta il viaggio in India, e precisamente nello Stato di Chhokrapur, senza altra intenzione che quella di considerarsi, nonostante i giudizi della gente indiana, un perfetto buono a nulla: Infatti io ricevo uno stipendio, oltre al biglietto di ritorno, e credo che l’agente politico mi consideri un’inutile stravaganza – quale sono senza dubbio.
Ackerley affronta questa differenza di classe e di stile (!) con la dovuta generosità; non solo ci regala, in alcuni momenti del libro, bozzi o disegni che in qualche modo completano il quadro che gli si pone davanti, ma non è mai difficoltoso con gli altri, soprattutto  con l’Altezza Reale, anzi tenta di confrontarsi nei modi e nei tempi di chi lo ospita.
Dice di un assistente indiano: Mentre conversavamo, una zanzara mi morse la mano e con una botta la uccisi. Poi, alzando gli occhi, vidi la fronte corrugata di Babaji Rabo.
-          Oh mi spiace! Ho esclamato. – L’ho fatto senza pensarci.
-          Non importa – ha detto lui, evitando di guardarmi.
Ma importava, chiaramente. Ci sono vite che per una ragione o l’altra può sembrare non illecito sopprimere – la vita di un serpente, per esempio, di un topo, di un insetto nocivo – e credo che Babaji Rao ne converrebbe; nondimeno egli dovrebbe trovarsi molto alle strette prima di indursi a sopprimerle lui stesso e per la stessa sensibilità rifugge dal vederlo fare da altri.
Sembrerebbe un confronto tra l’essere induisti e  il suo contrario (o i molti contrari), ma per Ackerley è semplicemente il confronto tra due esseri umani (anche se lui ha un evidente appoggio occidentale nel vedere le cose). E quel che esce fuori è non solo l’inizio della fine (in questo caso la fine del colonialismo) ma il diffondersi di una coscienza che nel caso specifico è al di là di qualsiasi riferimento culturale.
Vacanza indù ha anche una delicata cornice sessuale: ma sull’omosessualità di Ackerley preferisco soprassedere. Non per imbarazzo. Tutt’altro. Ma perché sul fatto ha avuto ben altre considerazioni. Più adeguate.

di Alfredo Ronci


icona
Gustoso

CERCA

NEWS

RACCONTI

SEGUICI SU

facebookyoutube