Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Il Paradiso degli Orchi
Home » Archivio » De falsu creditu » L'Italia, oggi come oggi (il virus comunista)

Pagina dei contenuti


DE FALSU CREDITU

Ernesto Sparavvista Dal Balcone

L'Italia, oggi come oggi (il virus comunista)

Acapìto Editore, Pag. 119 Euro 12,00
immagine
Il lavoro dello storico, si sa, conosce un momento di crisi.

La legittimazione che gli veniva dal rispetto dei protocolli procedurali, dalla serietà della ricerca sulle fonti oggi è considerata un fardello inutile, un'esibizione di pedanteria che non giova alla causa. Parla come magni innanzitutto, fatte capì, possibilmente damme ragione che è meglio. Ma prima ancora: di' cazzate ma dille a mo' de' romanzo, dille nervoso, o superbo, o ironico, dille come cazzo te pare ma dille in televisione e fatte intervista' da giornalisti accomodanti (da giornalisti italiani, diciamo). Questi i nuovi paradigmi del mestiere.

Oggi pertanto gli storici che vanno per la maggiore non sono storici propriamente detti e va bene così. Si chiamano Giampaolo detto Panza (perché lavora de panza e non con la capoccia che poi te vie' er mal de testa), un certo Bruno detto Vespa perché hai voglia de sbattelo cor canevaccio, te lo ritrovi minimo ogni anno a Natale (difatti essendo fuori stagione è chiaro che l'individuo è fatto un po' a cazzo, entomologicamente parlando; si sospetta che sia stato geneticamente modificato a Palazzo Chigi), oppure Dajefoco Pierangelo (o Pierannununzio, perdonate l'amnesia).

Su questa scia sembra proseguire il lavoro di uno che invece storico di professione ci sarebbe. Parliamo di Ernesto Sparavvista Dal Balcone. Ne L'Italia, oggi come oggi (il virus comunista), ha messo insieme i suoi articoli pubblicati negli ultimi anni sul Corsega e ne ha fatto un libello assai chiaro nelle intenzioni e nella linea conduttrice. Va detto che non è un'antologia di testi vaganti pretestuosamente messi insieme per farne un bel volumetto elegante da esibire in libreria. C'è un filo abbiamo detto, una ragione unitaria che lo giustifica. Esso sta nell'individuazione definitiva del male indigeno, nella scoperta della causa prima e ultima dei nostri guai. Sparavvista Dal Balcone non la manda a dire: il problema in Italia si chiama Comunismo. Proprio così. 'Sto cazzo de' comunismo non ne vole sape' de togliese dalle palle. E' morto in tutto il mondo, da noi niente da fa'. Che tu leggi e pensi: ma sei sicuro? Pensi, ma questo dove li vede tutti 'sti comunisti? Pensi: roba che a me certe volte mi viene un po' de nostalgia, mica proprio del comunismo, no, ma della giovinezza. La solita storia no? Che te ricordi de quando eri giovane. E pensi: oh, se ne incontrassi uno, magari cominci a dire Oh, te ricordi? Te ricordi i festival dell'Unità, la puzza delle salsicce alla brace che saliva dentro casa? E poi non è mica vero che erano tutte cozze, 'ste compagne. Ci avevi rimediato pure qualcosa, un paio de volte.

Insomma, leggendo nn momento di difficoltà arriva. Ma Sparavvista Dal Balcone va dritto per la sua strada. Dice guarda che i comunisti si nascondono, se 'nguatteno, dicono e non dicono, e questa mentalità, la mentalità dei comunisti è più diffusa di quello che pensi. E' una mentalità che ci lascia indietro, come paese. E' una cosa così infetta che nonostante il cumenda abbia tutto in mano, comprese le televisioni di questi nuovi storici, l'Italia ancora arranca. Il virus comunista è ancora in giro a fare danni. Fine della storia.

E una volta tanto il recensore un po' sospettoso, si mette sul piano del semplice, ingenuo lettore. Il recensore pensa: perché debbo vedere sempre il sottotesto, le sottotracce, il sottosemaforo? Perché non farsi trascinare una volta dalla lettura senza il sopracciglio alzato del critico prevenuto? E pensa: se Sparavvista Dal Balcone gli dà dentro con tanta passione un motivo ci sarà. Lui vede cose che io non vedo. E' uno storico o non è uno storico? E' pure aggiornato!

Così lo segue sino in fondo, questo storico coi controfiocchi, forse un po' fissato, un po' autistico, ma lo segue fino all'ultimo capitolo, intitolato "Dopo la diagnosi, la terapia". Qui il lettore mi scuserà, ma per ragioni di spazio il recensore sarà sintetico. Be', nell'ultimo capitolo si dice a chiare lettere: "Comunisti, non è ora di alzare i tacchi? (sic). Comunisti che vi annidate nei gangli" (dice proprio nei gangli) "fate un favore a chi ci governa e fatelo lavorare, lui e gli italiani come lui: sparatevi, fatevi fuori, sopprimetevi". Che il recensore sottoscritto un po' si dispiace. Anche perché se 'sto comunismo è come la nebbia che c'è ma non si vede, non vorrei che poi uno s'insospettisce di tutto e spara pure alla moglie insegnante che si lamenta del basso stipendio. Potrebbe pure pensare che è una manovra della disinformazione comunista. Che hai un terrorista dentro casa, addirittura. E' un libro da meditare, lettori. Scriveteci se ci vedete più chiaro di noi.











CERCA

NEWS

RECENSIONI

ATTUALITA'

RACCONTI

SEGUICI SU

facebookyoutube