Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Il Paradiso degli Orchi
Home » Recensioni » Storia aperta.

Pagina dei contenuti


RECENSIONI

Davide Orecchio

Storia aperta.

Bompiani, Pag. 660 Euro 22.00
immagine
Da qualche anno a questa parte non seguo più il Premio Strega. A dir la verità non seguo più nessun premio letterario. Un po’ per le scelte editoriali, un po’ (anzi soprattutto) per scelte personali e un po’ per sciatteria (chiamiamola così) culturale.
Bene, quest’anno seguirò le fase finali del Premio Strega per una semplice curiosità: c’è un nome, tra i finalisti, che potrebbe far bella figura anche se, lo ammetto, non è questo nome a farla da padrone, ma quello del padre. In ogni caso i due protagonisti sono Alfredo Orecchio, padre appunto e Davide Orecchio, figlio.
La storia è questa: nella mia ricerca di testi letterari intensi ma appena fuori da certi schemi editoriali, tempo fa cozzai, nel vero senso della parola, contro un libro resistenziale che, come altri della stessa fattura, facevano i conti anche con i risvolti di un passato di regime. Il libro era Il sospetto, edito da Feltrinelli nel 1956 e l’autore era, allora, un quasi sconosciuto Alfredo Orecchio.
Per anni feci anche delle ricerche sull’autore senza andare però mai a fondo. Ecco che nel 2022 si aprono le porte del Paradiso e a colmare questa assenza ci pensa il figlio Davide, che scrive un corposo (seicento e passa pagine) rendiconto su ciò che è stato il padre e soprattutto sulle povere cose che gli sono rimaste in mano (e non mi riferisco agli scritti).
Ma, e non so per quale motivo, cambia nome al protagonista, lo chiama Pietro Migliorisi, e attraverso grandi eventi della nostra storia, ce lo consegna fino alla fine dei suoi giorni.
C’è tutto in questo libro, se vogliamo, almeno nel momento della scelta di Orecchio padre: c’è via Rasella, c’è il martirio di Teresa Gullace (che Rossellini la ricordò, tramite la Magnani, nel film Roma città aperta), c’è la cacciata di Mussolini, ci sono le retate naziste e poi, come conclusione di tutto il percorso di vita, successivamente al 1945, le posizioni del PCI su molte questioni sociali.
Orecchio figlio, con uno stile compresso e a volte anche poco comprensivo (mi riferisco all’ultima parte) ci consegna un uomo perfettamente individuabile, anche se sostenuto da sollecitazioni politiche non di poco conto. E fa un ritratto dell’uomo efficace e anche critico.
Non so come andrà il Premio Strega quest’anno, ma un occhio di riguardo ad Orecchio (scusate il bisticcio di parole) lo avrei. Per il libro Il sospetto, vedere la rubrica i classici.






di Alfredo Ronci


icona
Gustoso


Dello stesso autore

immagine
Davide Orecchio

Sei biografie infedeli

Gaffi editore, Pag. 238 Euro 15,50

Malauguratamente è l'inganno la prima cosa a cui si pensa leggendo il libro. Cioè l'essere ingannati da una costruzione letteraria che ricorda altri. O forse solo uno: Roberto Bolaño. Ma chi ha buon occhio ha buon cuore (lasciatemelo credere). La chiave di lettura di Sei biografie infedeli è l'attesa: Davide Orecchio si distacca subito dal cileno e racconta con gagliarda precisione materia diversa dalla pseudobiblia o dalla mistificazione tipiche dell'autore di 2066.

CERCA

NEWS

RECENSIONI

ATTUALITA'

RACCONTI

SEGUICI SU

facebookyoutube