Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Il Paradiso degli Orchi
Home » Recensioni » L'alibi della vittima

Pagina dei contenuti


RECENSIONI

Giovanna Repetto

L'alibi della vittima

Gargoyle, Pag. 333 Euro 17,00
immagine
Cosa ha fatto di tanto strano la nostra Giovanna?
Ha raccontato una storia.
Gli altri hanno visto il tentativo di introdursi in un genere che poi non è identificabile.
Dico questo perché quello che è stato scritto a proposito de L’alibi della vittima sembra essere tutto e il contrario di tutto.
Il libro è un giallo… ma no, forse è un noir… la prima di copertina lo indica come thriller. Ma insomma che accidenti è?
L’alibi della vittima è un atto d’amore. E lo affermo senza tema di smentite.
Sono anni che sto dietro a Giovanna. Sono anni che seguo le sue dinamiche e il tentativo di dar corpo alle sue aspettative, ma sono anche anni in cui m’accorgo di quanto quello che ha fatto (e che fa) sia il risultato non di una prassi consolidata ma, come ho detto prima, di un atto d’amore, di un percorso che si scontra con la passione e col sentimento.
Dunque cos’è questo libro?
E’ una porta che si chiude, ma è anche la necessità di scoprire cosa c’è oltre, cosa c’è dietro la patina fumosa di una generazione in fieri.
E in questa porta che si chiude c’è Rocca Persa, cittadina dei castelli romani a pochi chilometri da Roma, c’è Memè, di cui non si sa nulla ma che poi si scoprirà essere la vittima designata, c’è l’assistente sociale Holy Mary e la psicologa Lina, c’è la proprietaria di un appartamento a Roma che adora il nipote, e c’è il nipote che approfitta dell’amore della nonna per rubargli il possibile, c’è Greta che sembra essere la perfetta amante, c’è Gaetano, ex detenuto, c’è… c’è…
Se voi foste me raccontereste anche altro, cioè l’amore di una donna per il proprio lavoro: ecco dov’è il giallo, il noir, il thriller de L’alibi della vittima. Nel rappresentare con dovizia di particolari i personaggi e poi stringerli e renderli ad altri.
C’è un piccolo neo in questa storia (almeno secondo me): il delitto avviene troppo tardi. Oppure, proprio perché Giovanna sa guidare alla perfezione il meccanismo della vicenda, nel ritardo della situazione c’è la fermezza e l’autorità della Storia.
Quella Storia che non offre grandi appigli, che si gioca con poche carte, che qualcuno può anche vedere gialla, nera, grigia: c’è soprattutto la decisione di una donna di fare i conti col proprio passato, col presente e, visto che conosciamo alla perfezione Giovanna, col futuro.
Un futuro che si giocherà anche su altri fronti.
Per il resto consiglio di leggere il libro di Giovanna dopo quello di Alberto Asor Rosa: Racconti dell’errore. Per carità, due cose completamente diverse, ma l’uno, nella ricerca di persone che hanno paura della morte, aspetta la fine con dignità. L’altro aspetta il riscatto da questa… ed è anche ciò motivo di orgoglio.


di Alfredo Ronci


icona
Succulento


Dello stesso autore

immagine
Giovanna Repetto

Cartoline da Marsiglia

MobyDick, Pag. 252 Euro 14,00

Curiosamente anche questo romanzo, come il precedente, comincia dalla testa. Mentre nel primo si trattava di una tremenda emicrania, qui la protagonista è alle prese col parrucchiere. Scene di vita quotidiana, in attesa del prossimo omicidio. Benché questa sia una storia autonoma, e quindi godibile di per sé, i lettori de La gente immobiliare (sempre MobyDick) hanno in più il divertimento di riconoscere alcuni dei personaggi caratteristici, che qui confermano i loro tic e continuano nelle loro grottesche disavventure.

immagine
Giovanna Repetto

Il Nastro di Sanchez

Delos Digital, Pag. 312 Euro 18

Le note riguardanti altri lettori sono state puntuali e anche molto informate (qualcuno addirittura si è sforzato di trovare padri - o madri – putativi alla storia) ma ahimè non hanno sciolto l’enigma (sì c’è, perché ogni scrittore è soprattutto un’anima in pena… e questo fondamentalmente è il mistero del raccontare) dell’arte della Repetto. Che è soprattutto il rispetto del lettore, cioè della sua capacità di intravedere tra le righe e far suo ogni momento del libro.

immagine
Giovanna Repetto

Icarus

Watson, Pag. 149 Euro 15.00

“Guarda che cosa ti ho portato.” Riki tende il collo incuriosito, ma quello che più trapela è il sollievo per il mio ritorno. Anche questa volta, sapendo che ero scesa in paese, ha dubitato. “Che cos’è?”

immagine
Giovanna Repetto

Il figlio di Nergal

Delos Diglital, Pag. 342 Euro 4,99, icona E-Book

CERCA

NEWS

RECENSIONI

RACCONTI

SEGUICI SU

facebookyoutube