Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Il Paradiso degli Orchi
Home » Recensioni » Leucosya e altri racconti dal Trofeo Rill e dintorni

Pagina dei contenuti


RECENSIONI

AA. VV.

Leucosya e altri racconti dal Trofeo Rill e dintorni

Mondi Incantati, Pag. 176 Euro 10,00
immagine
Lo abbiamo già detto altre volte, ma varrà la pena ribadirlo: l’appuntamento annuale con il Premio Rill — e il susseguente “libro” che ne esce — è qualcosa di irrunciabile per tutti quelli che si occupano di letteratura fantastica. Il collettivo che si riunisce intorno a questo premio è ormai gruppo consolidato e il loro lavoro ha dato vita anche a una serie di antologie di ottimo livello.
Come tutti gli anni il libro prende il titolo dal racconto che ha vinto il concorso — Leucosya di Laura Silvestri, ingegnere — al quale hanno partecipato più di 250 racconti. Leucosya è una storia di SF-hard, eppure ha un gusto velato, malinconico. Racconta in modo convincente il rapporto madre-figlia su scala galattica e va assolutamente letto. Forse l’unico cruccio è che il numero di battute massime permesse dal bando lo abbia castrato nella sua potenzialità, ma voci ci dicono che l’autrice stia pensando a un romanzo sull’argomento. Lo aspettiamo a braccia aperte.
Diverso completamente nello stile e nel tono è il racconto secondo classificato, Spiriti d’estate di Fabio Galli. La storia ci trasporta in un mondo quasi fatato dove spiriti e umani si mischiano in modo convincente. Spiriti non ci è dispiaciuto, come pure il terzo classificato, Non io di Alessandro Izzi, e il quarto, Voi che siete me, di Michela Lazzaroni, una storia che ci parla di clonazione e omologazione. Insomma buona (molto buona) la qualità generale dei racconti premiati e immaginiamo che i giurati abbiano fatto fatica a stabilire una gerarchia.
Come tutti gli anni da un po’ di tempo a questa parte, l’antologia è poi arricchita dai racconti che hanno vinto concorsi gemelli nel mondo di lingua inglese — Irlanda, Regno unito, Australia e Sud Africa — e non solo, l’antologia Visiones spagnola. Per finire un concorso nel concorso: i vincitori degli scorsi anni che si sfidano.
L’ultima nostra nota va alle copertine che da anni Valeria De Caterini disegna per la copertina. Vi assicuriamo che solo quelle valgono i dieci euro del costo.
Insomma… che aspettate? Da leggere. Assolutamente.

di Marco Minicangeli @gattospinoso


icona
Gustoso


Dello stesso autore

immagine
AA. VV.

Pintxos. Nuovi racconti baschi

Gran Vìa Edizioni, Pag. 221 Euro 16,00

In questa raccolta di "bocconcini" (pintxos) figurano quattordici autori baschi, tradotti direttamente in italiano dalla lingua euskara. Ogni Autore precede il suo racconto presentandosi con una piccola autobiografia, che è a sua volta un racconto fra i racconti. Ne scaturiscono autoritratti molto personali e a volte caratterizzati da sorprendente modestia. Ho avuto alcune ambizioni, - confessa Pello Lizarralde - ma mai quella di essere scrittore professionista. Tutti descrivono il proprio rapporto con la scrittura, finendo per collocarsi in due categorie: gli scrittori per caso e gli scrittori che si sentono tali fin dalla nascita.

CERCA

NEWS

RECENSIONI

RACCONTI

SEGUICI SU

facebookyoutube