Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Il Paradiso degli Orchi
Home » Recensioni » Le sorelle sciacallo

Pagina dei contenuti


RECENSIONI

Nicoletta Vallorani

Le sorelle sciacallo

Edizioni del Gattaccio, Pag. 159 Euro 15,00
immagine
Così apre il romanzo: Sciacallo: si indicano con questo nome alcuni Carnivori della famiglia dei Canidi, che rassomigliano a piccoli lupi ma presentano anche notevoli  caratteri volpini: vivono nelle regioni calde, di solito in branchi. Sono innocui per l’uomo e si rendono utili come spazzaturai, divorando rifiuti e carogne; il regime alimentare è onnivoro. La specie più nota (Canis aureus), di colore  grigio-giallastro, è diffusa dall’Europa di Sudest (Balcani) all’Asia meridionale, fino alla Birmania. Nell’Africa settentrionale di trova il Canis lupaster di statura più grande. Assai più caratteristico è lo sciacallo della gualdrappa (Canis mesomelas), così denominato perché sul dorso spicca un’ampia area nerastra; vive nelle regioni orientali e meridionale dell’Africa.
(Grande dizionario enciclopedico UTET).
Tranquilli, non è un saggio scientifico sui così detti sciacalli (magari), ma secondo la quarta di copertina (e quindi degli editori se non addirittura della stessa autrice, Nicoletta Vallorani) un noir vero e proprio.
Non me ne voglia l’autrice, di cui ricordiamo cose ben più gradite (in anni passati però) sia in campo giallo che in campo fs, ma quello che ha scritto non è un noir, ma un romanzo dove si fa fatica a seguire sia trama che personaggi. E nemmeno il linguaggio volutamente poetico (ma è un falso, perché nessuna parvenza poetica può sopportare il nulla) dà corpo ad un componimento che alla fine si slabbra e cade davvero come un cadavere.
Cito il cadavere perché all’interno della struttura ce ne sono a iosa (e a volte però non si capisce bene quando muoiono davvero) e cito un estratto dal libro perché mi sembra una delle cose più convincenti: Bruciati o no, i cadaveri sono oggetti inservibili, e non c’è motivo di conservarli. Bisogna rendersi utili da vivi. E una volta morti, fare di tutto per tornare.
Le sorelle sciacallo è una storia di schiavismo e di emigrazione, ma scritta com’è non mi interessa punto.

di Eleonora del Poggio


icona
Insipido


Dello stesso autore

immagine
Nicoletta Vallorani

Si muore bambini

Perdisa pop, Pag. 127 Euro 12,00

La domanda è pericolosa, ma voglio farla lo stesso perché ha 'risvolti' letterari: può la violenza contro i bambini essere assimilabile a quella dei serial killer, o a quella dell'omicidio in generale?
Qualcuno potrebbe dire: certo, sempre violenza è.
Il quesito mi si è posto leggendo questa eterogenea antologia di racconti di Nicoletta Vallorani, che sappiamo maestra di generi (fantascienza, fantastico, noir, fantasy...) e che mischia con valenza sicura e controllata misfatti di vario genere.

immagine
Nicoletta Vallorani

Avrai i miei occhi

Zona 42, Pag. 271 Euro 13,90

Se i romanzi venissero catalogati in base ai cinque sensi, questo sarebbe un romanzo “visivo”, e gli occhi del titolo ne sarebbero il perfetto emblema. Non si tratta solo del tratto immaginifico con cui viene evocato il contesto ambientale (e sullo scenario ci soffermeremo poi) ma del ruolo che giocano le immagini nel loro apparire e definirsi attraverso l’occhio che le guarda. Così che non c’è realtà senza raffigurazione.

CERCA

NEWS

RECENSIONI

RACCONTI

SEGUICI SU

facebookyoutube