Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Il Paradiso degli Orchi
Home » Recensioni » Lasciate in pace Marcello

Pagina dei contenuti


RECENSIONI

Piergiorgio Paterlini

Lasciate in pace Marcello

Einaudi, Pag. 85 Euro 10,00
immagine
Mi chiedo perché mai l’autore (lo chiamo così per non definirlo amabilmente in un altro modo) abbia voluto scrivere una post-fazione.
Per dirci che il finale del libro è diverso da quello che apparve quando uscì la prima volta?
Per illuminarci sul gesto di Marcello?
Perché il dolore di questa storia è un pochino diversa dal dolore dell’altra?
Veniamo dunque a noi.
Lasciate in pace Marcello è un breve resoconto su ciò che un ragazzino, non ancora maggiorenne, fa della sua vita e del suo sentire. E questo ragazzino fugge da casa e si nasconde presso un’Abbazia, non molto lontano da casa.
Basterebbe che Piergiorgio illuminasse la strada con piccole percezioni per restituire al lettore la gioia (sì, per me è stata una gioia) di condividere col protagonista una decisione voluta e sofferta. E desiderata. E invece decide di andare oltre.
C’è anche dell’altro. C’è una confessione che il ragazzo, accettato dai frati, fa ad un uomo, anche lui fuggito,  che ormai considera una sorta di cassaforte segreta. E quell’uomo, secondo quanto ci riferisce lo stesso Paterlini (ma noi lo avevamo capito ad di là dei meccanismi della letteratura), è “l’anomalo”  economista Federico Caffè. “Il 15 aprile 1987, il mercoledì prima di Pasqua, è uscito all’alba dalla sua casa di via Cadlolo, a Roma, a Monte Mario (la stessa via dove c’è l’Hilton) e non si è mai saputo nulla di lui. Sul comodino, l’orologio gli occhiali i documenti. Nella stanza accanto dormiva suo fratello Alfonso, che non si è accorto di niente.
Perché dunque questo accostamento segreto tra un ragazzino e l’economista? Perché al di là di quello che è realmente accaduto (accaduto nella storia di Caffè), c’è una sorta di viatico che accomuna le due esistenze e ce le restituisce sacre e inviolabili.
Perché dunque Marcello scappa dai suoi genitori? Perché decide di essere sincero con la persona che lo protegge?
Perché al di là del racconto (il ragazzo confessa di essersi innamorato di una donna molto più grande… io non riuscivo a immaginarmi, morto o vivo che fossi, privo del pensiero di Lei, del volto di Lei, del corpo di lei ben stampati nella testa e nel cuore) c’è una sofferenza di fondo che non chiede testimonianza.
Quando il professore morì, io avevo venticinque anni. Ero all’Abbazia da nove. Per tutti quei nove anni eravamo stati inseparabili.
Dunque…
Dunque, lasciate in pace Piergiorgio.


di Alfredo Ronci


icona
Succulento


Dello stesso autore

immagine
Piergiorgio Paterlini

Matrimoni gay

Einaudi, Pag.181 Euro 9,50

Conosco personalmente l'autore, conosco la sua sensibilità, il suo impegno, il modo in cui lavora, per cui davanti ad un titolo del genere mi sono chiesto: cos'è questa fronda matrimonialista gay che coinvolge anche gli autori più intelligenti? Ma i problemi reali non sono altri?
E' bastato poco per rendermi conto d'avere incautamente preso una posizione di parte: Matrimoni gay (titolo peraltro diverso dalla prima edizione che riportava solo Matrimoni e che la dice lunga sulla "sensibilità" di alcuni settori(...)

immagine
Piergiorgio Paterlini

Ragazzi che amano ragazzi 1991-2011

Feltrinelli, Pag. 140 Euro 8,00

Scrivevamo, noi orchi, nel 1999, quando già si era all'ennesima ristampa di questo essenziale (mai parola così centrata) long-seller: ... il suo libro riporta alla luce, alla vista, sulla scena, quello che per gran tempo ne è stato fuori, non detto, osceno appunto: l'amore – e il sesso – tutto il sesso, nient'altro che il sesso – dei ragazzi per i ragazzi. Così facendo Paterlini ci ha mostrato nel contempo uno dei modi che abbiamo a disposizione per produrre verità –

immagine
Piergiorgio Paterlini

I brutti anatroccoli. Dieci storie vere.

Einaudi, Pag. 110 Euro 10,00

Chi bisogna ringraziare perché Piergiorgio è tornato in libreria? In verità il testo in visione è una cosa scritta da tempo (io ho la versione di Baldini & Castoldi) che l’autore ha voluto riproporre perché non c’è nulla di più concreto e abilmente depressivo della bruttezza.

immagine
Piergiorgio Paterlini

Bambinate

Einaudi, Pag. 136 Euro 16,50

E’ bello incontrare di nuovo Piergiorgio nelle librerie. Chissà perché non m’aspettavo quest’uscita. Uscita peraltro assai politica, perché tutto si può dire di questo romanzo, tranne che non sia politico. E sociologico. Ma di una sociologia lontana da qualsivoglia tentazione umanitaria.

immagine
Piergiorgio Paterlini

L’amore non può farti male. Vita (e morte) di Harvey Milk.

Einaudi Ragazzi, Pag. 140 Euro 11.00

Non so voi ma a me Harvey Milk ricorda il grande Sean Penn. Intendiamoci, Milk lo si conosceva (anche se poco) per via della sua attività politica nella San Francisco degli anni settanta

CERCA

NEWS

ATTUALITA'

RACCONTI

SEGUICI SU

facebookyoutube