Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Il Paradiso degli Orchi
Home » Recensioni » I brutti anatroccoli. Dieci storie vere.

Pagina dei contenuti


RECENSIONI

Piergiorgio Paterlini

I brutti anatroccoli. Dieci storie vere.

Einaudi, Pag. 110 Euro 10,00
immagine
Chi bisogna ringraziare perché Piergiorgio è tornato in libreria?
In verità il testo in visione è una cosa scritta da tempo (io ho la versione di Baldini & Castoldi) che l’autore ha voluto riproporre perché non c’è nulla di più concreto e abilmente depressivo della bruttezza.
Sì, Piergiorgio è di questo avviso: non c’è grazia, carineria o chissà che cosa  per tastare una persona brutta. Direi che di fronte a questa nulla è più concreto d una sentita afflizione.
E allora provate a pensare a quanto possa trafiggere “come un dolore” la bruttezza.
Eppure tra i protagonisti delle dieci storie si avvertono sensazioni diverse, possibilità cioè di vivere la situazione in maniera più distaccata. C’è chi non si lascia prendere dal panico: Credo di essere coerente in questo. Io no mi innamoro delle persone belle, ma di certi atteggiamenti: come uno si muove, come usa il proprio corpo, bello o brutto che sia, se ti dà la sicurezza.
Chi invece è preso dalla disperazione: Il mio è l’equilibrio di chi ha una stanchezza che va oltre la stanchezza, di chi non riesce più a vedere soluzioni alla propria vita.
C’è invece chi si lascia conquistare perché non vuole (non può?) lui stesso conquistare: Non potendo aspirare alle ragazze che mi piacevano, non ho mai scelto. Mi sono lasciato scegliere. Stavo con chi mi voleva, non con chi avrei voluto.
Dunque, al di là di certe visioni più lungimiranti, la bruttezza pone il soggetto in una condizione di passività. E lo stesso Piergiorgio non sa indicare soluzioni, mentre il suo discorso e le sue idee sfiorano intellettuali e artisti che a loro volta hanno tentato un approccio con la materia.
Ma alla presente vorrei portare un ricordo. Anni fa… e nemmeno pochi.
Un invito a cena: eravamo in cinque. Due coppie e il sottoscritto, come al solito da solo. La prima coppia erano gli amici che ospitavano. Poi c’era l’altra che sembrava un incrocio abbastanza azzardato: un uomo di cinquant’anni con un ragazzo di diciannove, appena diplomato.
Il maturo era passabile, ma il giovane era di una bruttezza esasperante. Ma con una dote nemmeno tanto nascosta: era simpatico. E quella simpatia si trasformò, almeno per me, in una adesione alla vita del tutto particolare.
Risultato? A fine serata il brutto era la persona più attraente e divertente della compagnia.
Per carità, non voglio ribaltare le considerazioni di Piergiorgio sulla bruttezza che sono appropriate e anche giuste, ma in tutta la faccenda c’è un quid sospeso che a volte fa ben sperare nell’evoluzione del sistema.
Ma vada anche la conclusione della polemica di Paterlini, che cita Saul Bellow: “Io mi chiesi perché mai le caratteristiche fisiche dovessero essere così importanti, e alla fine venne fuori questa risposta, che la bellezza fisica era il fondamento che teneva su tutto quanto.
Provare per credere.



di Alfredo Ronci


icona
Gustoso


Dello stesso autore

immagine
Piergiorgio Paterlini

Matrimoni gay

Einaudi, Pag.181 Euro 9,50

Conosco personalmente l'autore, conosco la sua sensibilità, il suo impegno, il modo in cui lavora, per cui davanti ad un titolo del genere mi sono chiesto: cos'è questa fronda matrimonialista gay che coinvolge anche gli autori più intelligenti? Ma i problemi reali non sono altri?
E' bastato poco per rendermi conto d'avere incautamente preso una posizione di parte: Matrimoni gay (titolo peraltro diverso dalla prima edizione che riportava solo Matrimoni e che la dice lunga sulla "sensibilità" di alcuni settori(...)

immagine
Piergiorgio Paterlini

Ragazzi che amano ragazzi 1991-2011

Feltrinelli, Pag. 140 Euro 8,00

Scrivevamo, noi orchi, nel 1999, quando già si era all'ennesima ristampa di questo essenziale (mai parola così centrata) long-seller: ... il suo libro riporta alla luce, alla vista, sulla scena, quello che per gran tempo ne è stato fuori, non detto, osceno appunto: l'amore – e il sesso – tutto il sesso, nient'altro che il sesso – dei ragazzi per i ragazzi. Così facendo Paterlini ci ha mostrato nel contempo uno dei modi che abbiamo a disposizione per produrre verità –

immagine
Piergiorgio Paterlini

Lasciate in pace Marcello

Einaudi, Pag. 85 Euro 10,00

Mi chiedo perché mai l’autore (lo chiamo così per non definirlo amabilmente in un altro modo) abbia voluto scrivere una post-fazione. Per dirci che il finale del libro è diverso da quello che apparve quando uscì la prima volta? Per illuminarci sul gesto di Marcello?

immagine
Piergiorgio Paterlini

Bambinate

Einaudi, Pag. 136 Euro 16,50

E’ bello incontrare di nuovo Piergiorgio nelle librerie. Chissà perché non m’aspettavo quest’uscita. Uscita peraltro assai politica, perché tutto si può dire di questo romanzo, tranne che non sia politico. E sociologico. Ma di una sociologia lontana da qualsivoglia tentazione umanitaria.

immagine
Piergiorgio Paterlini

L’amore non può farti male. Vita (e morte) di Harvey Milk.

Einaudi Ragazzi, Pag. 140 Euro 11.00

Non so voi ma a me Harvey Milk ricorda il grande Sean Penn. Intendiamoci, Milk lo si conosceva (anche se poco) per via della sua attività politica nella San Francisco degli anni settanta

CERCA

NEWS

RECENSIONI

ATTUALITA'

RACCONTI

SEGUICI SU

facebookyoutube