Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Il Paradiso degli Orchi
Home » Recensioni » Le maschere di Pocacosa

Pagina dei contenuti


RECENSIONI

Claudio Morandini

Le maschere di Pocacosa

Salani Editore, Pag.134 Euro 13,90
immagine
Ecco, datela a lui. La nostra bella lingua italiana, continuamente massacrata, storpiata e offesa… Datela a Claudio Morandini, che ne avrà cura, la riempirà di coccole e di amore. E tutto questo senza strafare, senza bisogno di effetti speciali. Perché il suo ingrediente segreto è semplicemente l’eleganza.
   Ma veniamo al libro. L’editore precisa che è “il suo primo libro per ragazzi”. Uhm… ragazzi? Non vorrei che si desse un senso riduttivo a questa definizione. Perché volendo ricorrere a generi e caselle, si dovrebbero inquadrare i precedenti romanzi dell’autore dentro filoni come il fantastico o il surreale. Ma sono definizioni che lascerebbero interdetti. Il fatto è che la scrittura di Morandini mal sopporta d’essere imbrigliata in categorie, e del resto ciò vale per tutta la buona letteratura. Voglio dire: che pensereste a vedere il “Pasticciaccio” di Gadda sbattuto nello scaffale dei polizieschi? Fermiamoci qui, il discorso sui “generi” ci porterebbe troppo lontano. Basti sapere che questo libro è buono e godibile per tutti.
   L’ambientazione montana è ormai una cifra immancabile negli ultimi romanzi di Morandini: vedi Neve, cane, piede e Le pietre. Ormai ce n’è abbastanza per trarre qualche conclusione su questo aspetto, a partire dal fatto che, banalmente, deve trattarsi di un elemento autobiografico della sua vita in Val d’Aosta. Al di là di questo, dicevo, c’è da rilevare la funzione rivestita dall’ambiente montano, e mi sembra di poter evidenziare almeno due aspetti. La montagna come espressione della natura e delle sue forze ancestrali che, a dispetto di ogni preteso affrancamento, continuano a esercitare la loro presa sull’uomo, in modo tanto più potente quanto più il loro impatto è eluso o minimizzato: la natura passa sempre a chiedere il conto, se non altro in termini di sottomissione ai cicli del tempo che scorre e trasforma. Un altro aspetto dell’ambientazione montana è la possibilità di radicare le storie nella vita di paese, dove si possono riconoscere, nella semplicità di un microcosmo, tutte le tipologie e i comportamenti della vita umana nella sua essenza genuina: quell’ordito sostanzialmente costante con cui devono fare i conti tutte le possibili trame, più o meno complesse, di una tessitura di vita.
   Protagonista della storia è Remigio, un ragazzino tranquillo e diligente a scuola, che proprio per questo è soggetto al bullismo dei compagni. Ma non si tratta solo delle angherie commesse fra ragazzi a volto scoperto: c’è un evento apocalittico, nell’immediato futuro, che incombe come una minaccia ineludibile. È il Carnevale, che a Pocacosa assume l’aspetto di un rito pagano e sanguinario. In quell’occasione i più esagitati, nascondendo il viso dietro maschere terrificanti che ne difendono l’anonimato, possono infierire indisturbati su tutto e su tutti. Si sa, è scientificamente provato che l’anonimato, l’omologazione e la complicità di gruppo contribuiscono a superare ogni freno nello sfogo bestiale degli istinti. Remigio lo sa, ed è attanagliato dalla paura. I suoi carnefici lo sanno, e gongolano pregustando il momento.
   Portano maschere mostruose, realizzate con corteccia, cartapesta, plastica o lamiera, insomma quel che si trova in giro. Non c’è parte del loro corpo che sia scoperta, che possa rivelare la loro identità. Sospetti che siano i tuoi vicini, o meglio i loro figli, i tuoi amici di quando eri più piccolo, i tuoi compagni di classe o i loro fratelli maggiori, ma non sai esattamente quali. Potrebbero essere anche delinquenti dei paesi vicini, o sconosciuti, o mostri veri, diavoli saliti dall’inferno per spassarsela un po’.
   Certo, basterebbe abolire quel tipo di festa, ma un’altra verità lampante è che una tradizione, per quanto barbara, è dura a morire. Del resto, è luogo comune che il Carnevale sia nato proprio per dare un po’ di sfogo ai cristiani prima della Quaresima. Neanche il parroco e le autorità, dunque, se la sentono di intervenire. Remigio deve vedersela da solo, inventandosi qualcosa di nuovo. E qui si scopre un’altra verità: che non c’è abitudine tanto consolidata da non poter essere sradicata da un soffio di creatività.
   Anche perché Remigio proprio solo non è. Qui ecco spuntare un’altra figura cara all’autore. L’eremita, il vecchio burbero e solitario, misterioso da incutere paura, pazzo al punto di diventare un gran saggio, o viceversa così saggio da essere scambiato per pazzo. Comunque sia, è una forza della natura, e la natura, agli occhi dell’uomo, non è soltanto dato sensibile, ma anche archetipo e divinità.
Non c’è altro da aggiungere, se non che si tratta di una lettura godibilissima per tutti.

di Giovanna Repetto


icona
Gustoso


Dello stesso autore

immagine
Claudio Morandini

Le larve

Pendragon, Pag. 227 Euro 14,00

Vi è una sorta di 'disfunzione' temporale (non so chiamarla in modo diverso, ma forse sono io che non trovo definizione migliore) in questo romanzo di Morandini. E spiego il perché.
L'ambientazione è decisamente gotica, dove una villa di un certo prestigio e di un certo passato sostituisce il vecchio 'maniero' di settecentesca memoria. In più si aggiunga uno stile di scrittura che a pie' pari scavalca, con abilità e mestiere, le propaggini post-moderne dell'attuale letteratura, soprattutto giovanile.

immagine
Claudio Morandini

Rapsodia su un solo tema

Manni, Pag. 270 Euro 18,00

La caratteristica più impressionante di questo romanzo è la verosimiglianza. La scrittura efficace ma discreta (proprio come l'eleganza vera, che quando c'è non si fa notare) funziona come un vetro pulito, la cui trasparenza lascia credere che non vi siano barriere fra lo spettatore e la scena. Finisce che il lettore si strugge nello sforzo di discernere il vero dall'invenzione, perché se sulla copertina c'è scritto romanzo, c'è anche il sottotitolo Colloqui con Rafail Dvoinikov, che fa comunque pensare a un riferimento preciso. E' dunque la storia romanzata di un musicista vero?

immagine
Claudio Morandini

Il sangue del tiranno

Agenzia X, Pag. 158 Euro 9,50

Dai finestroni luridi di smog si notano le masse asimmetriche di acciaio che fuoriescono in diagonale dal vecchio complesso in mattone dell'ospedale, come costole dopo un incidente spaventoso. Ecco la bizzarria profumatamente pagata, lungamente realizzata: morfologie metalliche, aggressive, che avrebbero dovuto suggerire un'idea di contemporaneità e invece si stanno ricoprendo di ruggine, piantine, nidi, cacate di uccelli e di gatti. Una modernità nata già cadente e scricchiolante, che durante le giornate di vento sibila e ulula e oscilla pericolosamente,

immagine
Claudio Morandini

A gran giornate

Edizioni La Linea, Pag. 256 Euro 14,00

Come posso parlare di questo libro senza tradirne lo spirito? Senza banalizzare l'eleganza del tratto, la genialità, la lucidità visionaria? Posso dare un'idea delle mie prime impressioni dicendo che così, senza rifletterci, con un puro meccanismo associativo, o meglio evocativo, mi ha fatto pensare a Auster, a Saramago, a Beckett, ai film di Buñuel. E poi alla pittura di Bosh, di Bruegel e di Dalì. Di Auster mi ha ricordato quel meraviglioso libro che è Nel paese delle ultime cose ( già recensito nella rubrica "L'età dell'innocenza").

immagine
Claudio Morandini

Neve, cane, piede

Exòrma, Pag. 140 Euro 13,00

Ne esistono ancora, di questi eremiti. L’Italia, che in tante parti è sovraffollata, che fa fiorire ovunque aiuole di case con la tendenza a tappezzare di mattoni ogni centimetro quadrato, che si direbbe ormai tutta piena e svelata, eppure fra le sue montagne nasconde ancora angoli selvaggi. Mio padre ne andava continuamente in cerca e li trovava.

immagine
Claudio Morandini

Le pietre

Exòrma, Pag. 187 Euro 14,50

Gli è rimasta incollata addosso, la montagna, dopo che Claudio Morandini l’ha abitata nei panni di Adelmo Farandola, lo scontroso eremita di Neve, cane, piede, romanzo che dal 2015 continua a vivere mietendo successi internazionali. Quest’altro romanzo non ha lo stesso potere drammatico e visionario, nonostante gli avvenimenti siano visionari nella sostanza, e sufficientemente drammatici negli sviluppi. Ancora la montagna, dunque, ma da una diversa angolazione. Tanto la vita di Adelmo era solitaria, tanto è collettiva e corale l’azione di quest’altra storia, che ha come soggetto un intero paese.

CERCA

NEWS

RECENSIONI

ATTUALITA'

RACCONTI

SEGUICI SU

facebookyoutube