Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Il Paradiso degli Orchi
Home » Recensioni » Cinque indagini romane per Rocco Schiavone

Pagina dei contenuti


RECENSIONI

Antonio Manzini

Cinque indagini romane per Rocco Schiavone

Sellerio, Pa. 244 Euro 14,00
immagine
Mettiamolo in chiaro. Manzini, pur non essendo Camilleri, a volte prende come Camilleri. Per carità, niente che potrebbe scomodare la Crusca, ma le avventure di Rocco Schiavone sono sottilmente audaci e perseveranti.
E poi c’è Marco Giallini, almeno nella resa televisiva. Eh sì, diciamoci pure questo: se nelle disgrazie di Rocco Schiavone non ci fosse Marco Giallini le cose, molto probabilmente (anzi, sicuramente) sarebbero diverse. Nella tv tutto gira intorno al suo essere ad Aosta senza esserci mai (non so cosa ne pensano gli abitanti del capoluogo valdostano), ma nello stesso tempo tutto s’insinua e si straccia con una commovente adesione alla vita che, escludendo Montalbano e qualche precedente investigatore, è una delle cose più chiare e nello stesso tempo morbose, della nostra televisione.
Che poi, ad essere più precisi, trent’anni fa un poliziotto del genere avrebbe fatto agitare la panza a parecchie forze politiche (parlamentari e non). Ora, vista la situazione della nostra povera e disastrata politica italiana, tutto si rivolge ad altre situazioni e ad altre considerazioni (chi non si turba per gli affanni amorosi dello Schiavone nei confronti della sua donna che sta poi alla base della suo arrivo ad Aosta?).
Ecco quello: il poliziotto affascina e a volte commuove (meglio: Giallini affascina e a volte commuove) perché ci sfuggono i connotati essenziali del nostro essere in pista. E se nessuno reclama una sua linea politica, le avventure del poliziotto romano, ora valdostano, risultano amorose ed invitanti.
E poi, per ultimo, non dimentichiamoci che spesso una struttura poliziesca ha il suo successo per via di una attenta analisi recitativa. Non so chi sia il regista di Schiavone, non so se abbia avuto precedenti, ma il tutto va… perfettamente.
Qualcuno dirà: non sarà forse responsabilità di Manzini? Certo, è ovvio. Quello che Manzini racconta è quello che sente. E non ci sembra poco. E lo dico perché  ci sono altre avventure poliziesche che stringono il cuore… nel senso che fanno proprio male al cuore (avete presente I bastardi di Pizzi Falcone di quel misterioso Maurizio De Giovanni?).
Qualcuno dirà: ma hai recensito il libro o la serie televisiva? Entrambi. E’ lo stesso. Il risultato è sempre amabile.

di Alfredo Ronci


icona
Gustoso


Dello stesso autore

immagine
Antonio Manzini

Sull'orlo del precipizio

Sellerio, Pag. 128 Euro 8,00

Forse chi non è scrittore non può capire in pieno quanto sia terrificante l’ipotesi espressa in questo libricino. È cosa da non dormirci la notte. Per farla breve uno scrittore affermato

immagine
Antonio Manzini

Pulvis et umbra

Sellerio, Pag. 416 Euro 15,00

Qualcuno si chiederà: come mai l’autore, cioè Antonio Manzini, ha avuto la prosopopea di chiarire ai lettori nazionali che questo suo romanzo, Pulvis et umbra, è in assoluto il suo migliore?

immagine
Antonio Manzini

Ah l'amore l'amore

Sellerio, Pag. 337 Eurov 15.00

- Pronto… ciao sono Ermanno - Ciao Ermanno come va? - Bene. Hai visto la novità? - Le novità son sempre tante… - E’ uscito il nuovo romanzo di Antonio Manzini.

CERCA

NEWS

RECENSIONI

RACCONTI

SEGUICI SU

facebookyoutube