Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Il Paradiso degli Orchi
Home » Video

Pagina dei contenuti


Video

immagine
Alfredo Ronci

Le 'sospettabili convergenze'

Erano gli anni sessanta, la tv era in bianco e nero, e gli italiani, dopo lo scandalo della morte di Wilma Montesi, cominciavano ad abituarsi ai delitti. E soprattutto al Maigret di Gino Cervi. La sigla che vi proponiamo è un tuffo nella nostalgia: ma scorrete i titoli di testa e soprattutto leggete il nome del 'delegato alla produzione'. Un esempio perfetto di 'sospettate' convergenze.

immagine
Redazione Il Paradiso degli Orchi

Isabella Santacroce: mani rubate alle solfatare.

Lecito far qualsiasi cosa, sempre nella legalità, ma ci si pone il problema del perché certe 'esternazioni' le si debba far passare per espressioni culturali e non psichiatriche.
Personalmente noi orchi, in tutti questi anni, ci possiamo vantare di non avere mai recensito un libro della Isabella Santacroce né di averla un minimo considerata. Il video lascia, con chiarezza cristallina, intendere le motivazioni.
Lei grida di non essere fotografata. Bene. Ma nulla ci impedisce di spedirla a lavorare nelle solfatare di Girgenti.

immagine
Il Paradiso degli orchi

Le puzze che 'percepiva' Carmelo Bene

Viviamo un tempo in cui, per calmare gli impulsi pruriginosi delle sue pecorelle smarrite, il Vaticano inasprisce i propri codici di comportamento per tentare di dare un freno al 'fenomeno' della pedofilia. Decisione questa poco 'divina' e molto terrena, come quando uno Stato reazionario attua politiche proibizioniste disconoscendo la sociologia e la psicologia.
E allora aveva ragione Carmelo Bene, durante una puntata del 'Maurizio Costanzo Show' a dire che sentiva una 'certa' puzza.

immagine
Alfredo Ronci

Un tributo: Lelio Luttazzi

Nel 2006 uscì un disco Per amore che raccoglieva le migliori canzoni scritte da Lelio Luttazzi cantate da un gruppo di artisti italiani (Mina, Dalla, Morandi, De Sica, Arbore, Fiorello). Confermando due cose: la bontà della produzione del maestro triestino e l'assenza, in Italia, di una vera e propria vocalità jazz. Ora Luttazzi è morto: per quelli della mia età, ma sbarazzini, il musicista è quello in bianco e nero di Studio Uno e della 'Hit parade' radiofonica. Per gli altri, che non disdegnano affatto quelle avventure, anzi

immagine
Il Paradiso degli Orchi

Finalmente un poeta. Omaggio a Sandro Penna.

Dopo due ritratti irriverenti dedicati,nonostante la fama, a discutibilissimi poeti, ecco un omaggio ad una delle voci più 'sentite' e profonde del nostro Novecento. Il video ritrae Sandro Penna mentre legge due poesie. Preceduto da un'introduzione di Elio Pecora e seguito da una 'post-fazione' di Enzo Siciliano.

immagine
Alfredo Ronci

Beccato un altro: Giancarlo Majorino.

Beccato un altro poetazzo della domenica: l'inutilità che si permea di versicolare fregnaccia. Giancarlo Majorino: l'autore dell'immortale metrica: ti starò sempre vicino | tette a te vicino | bolle il pentolino | canto dei due Zirli || avevano discusso all'inizio e ma | in un rossore come tra le fiamme | s'è deciso di | levarsi quel fastidio || niente sesso | ma non poté durare e la ragazza ci | voleva vien nel letto, ma con gli slip | togliendo solo il reggipetto.
Disgraziati quei quattro gatti che, in pubblica piazza, lo stanno nel video ad ascoltare.

immagine
Alfredo Ronci

Se questo è poetare. Omaggio fasullo a Edoardo Sanguineti.

Scrive Sergio Claudio Perrone sul suo sito: 'Sanguineti era uno di quegli intellettuali che negli anni Sessanta teorizzavano la scrittura pur di non imparare a praticarla. Insieme ad Angelo Guglielmi fu uno degli esponenti di punta del neoavanguardistico Gruppo 63, con la differenza che Guglielmi ci avrebbe dato la Raitre dei tempi d'oro, mentre Sanguineti si sarebbe dedicato a insegnare quell'italiano che per lui aveva senso così:

immagine
Alfredo Ronci

Serietà

Non è forse arrivato il momento di chiedere a questi nostri pen(s)osi intellettuali e scrittori un po' di serietà? O forse non è solo la suddetta categoria a soffrire di mancanza di coerenza?

immagine
Alex Pietrogiacomi

Terza manipolazione orchesca.

Terza e ultima manipolazione orchesca:Voci, capsule di immagini che vengono ingoiate. Impasticcati di versi, cerchiamo la morte e la fama.

immagine
Alfredo Ronci

Subliminalia

Ci sono modi e modi per parlar male di un libro. Il Paradiso ha scelto questa forma: un po' ossessiva e subliminale (e mica tanto). Ma la prossima volta quando un libro tanto esaltato ci fa vomitare (vomito ergo sum) aspettiamo lo scrittore, o la scrittrice (come in questo caso) sotto casa. Se poi lo stesso o la stessa dovessero vincere un premio letterario, allora passiamo direttamente al 'delitto'. Ma non crediate che sia per invidia. Tutt'altro.

CERCA

NEWS

RECENSIONI

RACCONTI

SEGUICI SU

facebookyoutube