Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Il Paradiso degli Orchi
Home » Recensioni » Tremare è umano

Pagina dei contenuti


RECENSIONI

Adriano Prosperi

Tremare è umano

i Solferini, Pag. 149 Euro 9.90
immagine
Non è la prima volta che il professore indaga sull’origine della paura e sulle sue conseguenze. Mi ricordo un appunto che lui fece in un articolo comparso su Repubblica e poi successivamente pubblicato su Cause perse (Einaudi 2010) dove diceva: E se le riserve di armi batteriologiche mantengono in vita la peste e il vaiolo, è nel mondo della comunicazione pubblica che viaggia il virus della paura, continuamente nutrito da venditori di emozioni e coltivato a fini di potere.
E’ chiaro che Tremare è umano è stato scritto nel periodo più oscuro della nostra Repubblica, dove ogni corpo era suggestionato da quella specie di pestilenza che va sotto il nome di Covid 19. Ma nessuno come il professor Prosperi ha saputo mettere in fila tutte le posizioni e offrirci un panorama più lucido e veritiero sulla malattia e sulle divergenze nate da essa.
Innanzi tutto che la pestilenza non è un problema moderno (semmai moderni possono essere i virus) ma il meccanismo che li produce è anch’esso di vecchia data: Ritroviamo nelle costruzioni della mentalità del populismo contemporaneo le teorie del complotto che partorirono nelle pestilenze del passato le accuse contro immaginari fabbricanti o diffusori del malanno. E’ una forma di difesa che scatta ogni volta davanti a minacce troppo grandi per essere sopportate dalle nostre menti.
E soprattutto come mai la paura della morte si è rivelata capace di alimentare un clamore che ha messo in discussione la distinzione tra vero e falso? Lo vediamo tutti i giorni nelle nostre tv, migliaia di cittadini che scendono in piazza con slogan più o meno discutibili e che tentano di sovvertire le prese di posizioni, prima di tutto della scienza, e poi della politica (ci mancavano i cittadini di Novara che si sono vestiti da ebrei sotto il dominio nazista).
Dice il professore: La verità deve combattere con un potente avversario: la volontà di non sapere, che ha creato le condizioni per la diffusione di false notizie e il sospetto di interessi occulti che aveva già fatto nascere il movimento dei no-vax e che oggi tenta di ostacolare l’assunzione dei vaccini contro il Covid-19.
E’ giusto e sacrosanto affermare che tremare è umano ma è anche sacrosanto dire che può esserci la possibilità che il fiorire di tutti questi virus non porti alla circolazione di quello della retorica (pag. 131). L’importante, a quel punto, è que la pandemia non sea un pretesto para el autoritarismo.
Si scherza, ovviamente, ma guai a non farci un pensierino.





di Alfredo Ronci


icona
Succulento


Dello stesso autore

immagine
Adriano Prosperi

Dare l'anima

Einaudi, Pag. 358 Euro 24,00

Dice bene il professor Prosperi solo dopo poche pagine: Interpretare i segni è il compito che accomuna lo storico ai medici. Ma in questo caso, l'opera dello studioso è andata oltre: come se, sorta di magister ludi ,avesse operato anche in ambito linguistico-grammaticale, ed avesse proposto una vera e propria analisi logica della vicenda.
Innanzi tutto quale. Dicembre 1709, Lucia Cremonini, dopo aver subito uno stupro da parte di un prete durante le celebrazioni del carnevale, partorisce un bambino e poi lo uccide. Sarà processata e condannata a morte.

immagine
Adriano Prosperi

Cause perse. Un diario civile.

Einaudi, Pag. 300 Euro 19,00

Scrive Giuseppe Marcocci nella post-fazione: Si immagini un ipotetico lettore che tra mezzo secolo prenda in mano questa raccolta. Ne sfoglierà le pagine e accanto al nodo eterno del rapporto ambiguo e mai risolto tra Stato e Chiesa in Italia, resterà certo colpito dagli articoli di giornale che Adriano Prosperi ha dedicato alla genesi e al radicamento di u nuovo razzismo nel suo Paese.
Vero, ma mi verrebbe da dire di più: la raccolta di articoli che lo storico, professore alla Scuola Normale Superiore di Pisa,

CERCA

NEWS

ATTUALITA'

RACCONTI

SEGUICI SU

facebookyoutube