Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina

Il Paradiso degli Orchi
Home » Recensioni

Pagina dei contenuti


Recensioni

immagine
Antonio Manzini

Ah l'amore l'amore

Sellerio, Pag. 337 Eurov 15.00

- Pronto… ciao sono Ermanno - Ciao Ermanno come va? - Bene. Hai visto la novità? - Le novità son sempre tante… - E’ uscito il nuovo romanzo di Antonio Manzini.

immagine
AA.VV.

Fanta-Scienza

Delos Digital, Pag. 271 Euro 17,00

Veramente buona l’idea di Marco Passarello. Intervistare fior fiore di scienziati impegnati sul fronte delle nuove tecnologie e proporre le interviste ad altrettanti scrittori di fantascienza, in modo che ne traessero le conseguenze in forma di racconti. E se è buona l’idea, il prodotto finito è eccellente. Interviste e racconti sono giustapposti: a ogni intervista segue il relativo racconto.

immagine
Nicoletta Vallorani

Avrai i miei occhi

Zona 42, Pag. 271 Euro 13,90

Se i romanzi venissero catalogati in base ai cinque sensi, questo sarebbe un romanzo “visivo”, e gli occhi del titolo ne sarebbero il perfetto emblema. Non si tratta solo del tratto immaginifico con cui viene evocato il contesto ambientale (e sullo scenario ci soffermeremo poi) ma del ruolo che giocano le immagini nel loro apparire e definirsi attraverso l’occhio che le guarda. Così che non c’è realtà senza raffigurazione.

immagine
Aldo Villagrossi Crotti

La zia Quintilla

Gattogrigio Editore, Pag. 117 Euro 14,56

Aldo Villagrossi Crotti è un affabulatore formidabile, forse riprende anche in questo una tradizione orale degli ebrei, da sempre narratori di storie. Da sempre sempre, intendo, cioè da tradizione biblica. Ma nel suo ultimo romanzo non dimostra solo questo, è capace di tenere e reggere la tensione del racconto dalla prima all’ultima pagina con quello che è il modo più difficile di condurre una storia, l’ironia che spesso si trasforma in una risata esplosiva.

immagine
Luigi Balocchi

Exit in fiamme

Emersioni, Pag. 195 Euro 19.50

Me ne rendo conto, Exit in fiamme, per quanto storia molto attuale (ridisegnata su schemi fantastici) non è facile da raccontare, per quanto illustri dinamiche e incubi che ormai appartengono al nostro sentire. Ha una struttura lineare ma nello stesso tempo fuggevole ed il linguaggio è perfettamente adattabile al contesto. Rapido ed efficace per la storia.

immagine
Augusto De Angelis

Il do tragico

Il Giallo Mondadori. Speciali., Pag. 215 Euro 6,90

Di questi tempi il giallo va sempre bene. Meglio se, scartabellando o facendo, mi scuso per il confronto, l’investigatore di lettere, si decida per una storia poliziesca d’antico sapore e di fascinata ambientazione storica.

immagine
Massimo Gatta

Breve storia del segnalibro

Graphe.it Edizioni, Pag. 64 Euro 7,00

Questo non me lo potevo perdere. Chi mi conosce sa quanto mi diverta con i segnalibri. Non sono una collezionista metodica. Quello che mi piace è trovare combinazioni azzeccate fra il libro che leggo e un segnalibro preso chissà dove. Quest’ultimo può essere di vario genere, ma deve essere in qualche modo in sintonia con il libro per colore, stile o soggetto. Quello che mi mancava però era una storia del segnalibro.

immagine
AA. VV.

Leucosya e altri racconti dal Trofeo Rill e dintorni

Mondi Incantati, Pag. 176 Euro 10,00

Lo abbiamo già detto altre volte, ma varrà la pena ribadirlo: l’appuntamento annuale con il Premio Rill — e il susseguente “libro” che ne esce — è qualcosa di irrunciabile per tutti quelli che si occupano di letteratura fantastica. Il collettivo che si riunisce intorno a questo premio è ormai gruppo consolidato e il loro lavoro ha dato vita anche a una serie di antologie di ottimo livello.

immagine
Michel Bussi

Forse ho sognato troppo

Edizioni e/o, Pag. 429 Euro 17,00

Michel Bussi non è stato molto considerato da noi orchi. Per carità, non abbiamo letto tutti i suoi romanzi (perché farlo?), ma quello che finora abbiamo fatto non ci porta a strapparci i capelli (almeno per quelli che ancora ce l’hanno).

immagine
Giovanni De Feo

La stanza senza fine

Mondadori, Pag. 375 Euro 17,00

Da questa lettura si uscirà avendo acquisito un nuovo verbo: spaginare. Mi si dirà che la parola non è nuova, e che si adopera per indicare l’azione di disfare un libro, scomporne le pagine. Qui però ne troviamo un’accezione completamente nuova e unica. Si tratta di un’azione impossibile nella realtà, ma non nel mondo fantastico in cui si addentra il protagonista di questa storia.

CERCA

NEWS

RECENSIONI

SEGUICI SU

facebookyoutube